Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 18813 del 25/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 5 Num. 18813 Anno 2018
Presidente: VESSICHELLI MARIA
Relatore: MICCOLI GRAZIA

SENTENZA
sul ricorso proposto da:

ANTONUCCI GIANNI nato il 30/03/1967 a SANT’OMERO
nel procedimento a carico di quest’ultimo

avverso l’ordinanza del 03/03/2017 del TRIB. LIBERTA’ di ROMA
sentita la relazione svolta dal Consigliere GRAZIA MICCOLI;
lette/sentite le conclusioni del PG

Data Udienza: 25/01/2018

Il Procuratore Generale della Corte di Cassazione ha concluso chiedendo la
declaratoria di inammissibilità del ricorso.
RILEVATO IN FATTO
1. Con l’impugnata ordinanza, emessa in data 3 marzo 2017, il Tribunale di
Roma ha confermato il provvedimento con il qudle il Giudice dell’Udienza
preliminare dello stesso Tribunale aveva disposto il sequestro conservativo di
alcuni beni in danno di Gianni ANTONUCCI, imputato di più fatti di bancarotta.
2. Con dichiarazione del 24 gennaio 2018 l’ANTONUCCI ha rinunciato al ricorso.
CONSIDERATO IN DIRITTO
Il ricorso è inammissibile per rinuncia, poiché questa rappresenta una

dichiarazione abdicativa, irrevocabile e recettizia, che si esprime in un atto
processuale a carattere formale, cui la legge ricollega l’effetto della
inammissibilità dell’impugnazione stessa

(ex multis,

Sez. 6, n. 23848 del

11/04/2013, Serrano Caceres, Rv. 255671).
Nel caso in esame sussistono i requisiti fissati dalla legge per la validità della
rinuncia, in quanto la relativa dichiarazione è stata ,fatta personalmente dal
ricorrente, con specifica indicazione della data della t,fitertfz impugnata.
Ne consegue che si impone la declaratoria di inammissibilità dell’impugnazione
stessa -ai sensi degli artt. 589 e 591, comma 1 lett. d), cod. proc. pen.precludendo così, di fatto, la valutazione del ricorso.
2. La ritenuta inammissibilità del ricorso comporta le conseguenze di cui all’art.
616 cod. proc. pen., ivi compresa, in assenza di elementi che valgano ad
escludere ogni profilo di colpa, anche l’applicazione della prescritta sanzione
pecuniaria, il cui importo stimasi equo fissare in euro 500,00.
P. Q. M.
dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di euro 500,00 in favore delle cassa delle
ammende.
Così deciso in Roma, il 25 gennaio 2018
Il consigliere estensore

Il presidente

1.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA