Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 18467 del 28/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 4 Num. 18467 Anno 2018
Presidente: CIAMPI FRANCESCO MARIA
Relatore: MENICHETTI CARLA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
HAJDARAJ ALBANO nato il 01/03/1990

avverso la sentenza del 28/11/2017 del GIP TRIBUNALE di PADOVA
sentita la relazione svolta dal Consigliere CARLA MENICHETTI;

Data Udienza: 28/03/2018

MOTIVI DELLA DECISIONE

Hajdarai Albano ricorre in proprio per cassazione avverso la sentenza di cui in
epigrafe recante applicazione della pena ai sensi dell’art.444 c.p.p. in ordine al reato di
cui all’art.73, comma 1, D.P.R.n.309/90, lamentando il mancato proscioglimento ex
art.129 c.p.p.
L’impugnazione é inammissibile.
La sentenza impugnata, e conseguentemente l’odierno ricorso, sono successivi alla

c.p.p. eliminando la legittimazione della parte a proporre personalmente il ricorso per
cassazione (art.1, comma 63).
Va pertanto pronunciata la inammissibilità del ricorso.
Segue a norma dell’art.616 c.p.p. la condanna del ricorrente al pagamento delle
spese del procedimento ed al versamento in favore della cassa delle ammende, della
somma di C 4.000,00 a titolo di sanzione pecuniaria, non emergendo ragioni di esonero.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di euro quattromila in favore della cassa delle ammende.
Così deciso in Roma il 28 marzo 2018

Il Consigl
Carla

tensore
F etti

Il Pr sidente
Francesc ìaria

data di entrata in vigore della legge 23 giugno 2017, n.103 che ha modificato l’art.613

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA