Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 18436 del 27/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 4 Num. 18436 Anno 2018
Presidente: IZZO FAUSTO
Relatore: DOVERE SALVATORE

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
ESPOSITO MARIO nato il 15/01/1963 a NAPOLI

avverso l’ordinanza del 22/09/2017 del TRIBUNALE di NAPOLI
sentita la relazione svolta dal Consigliere SALVATORE DOVERE;
lette/sentite le conclusioni del PG 4‘ ,‘
I M_.£1.

vy.)\1.)

:11)

“C.2

trt,.

Prs:›ei LeAr eJ24 v■A étab

Data Udienza: 27/03/2018

RITENUTO IN FATTO
1. Esposito Mario, a mezzo del difensore avv. Aniello Musto, ha proposto
ricorso per la cassazione del provvedimento indicato in epigrafe, con il quale il
Tribunale di Napoli ha revocato d’ufficio il decreto che, in data 25.6.2014, lo
aveva ammesso al patrocinio a spese dello Stato nell’ambito del procedimento
penale n. 9411/14 RG Dib.
Il ricorrente ha contestato la fondatezza della decisione del Tribunale, alla
luce del fatto che il reddito percepito nell’anno 2013 attiene a pensione di

ha quindi denunciato il vizio della motivazione.
CONSIDERATO IN DIRITTO
2. Il ricorso deve essere qualificato come opposizione ex art. 99 d.p.r. n.
115/2002.
Infatti, il provvedimento impugnato è stato adottato dal Tribunale d’ufficio,
sia pure sulla scorta delle informazioni ricevute dall’Agenzia delle Entrate.
L’art. 112 d.p.r. 115/2002 prevede le diverse ipotesi di revoca del decreto di
ammissione al patrocinio a spese dello Stato e tra queste distingue, alla lettera
d), la revoca d’ufficio e la revoca su richiesta dell’ufficio finanziario. L’art. 113
d.p.r. n. 115/20002, poi, prevede la possibilità di proporre ricorso per
cassazione, ma solo avverso il decreto “che decide sulla richiesta di revoca ai
sensi della lettera d), comma 1, dell’articolo 112”.
La giurisprudenza di legittimità ne ha tratto motivo per escludere che sia
ricorribile per cassazione la revoca adottata d’ufficio; l’impugnazione avverso tale
provvedimento è quella prevista dall’art. 99 d.p.r. n. 115/220, ovvero
l’opposizione al Presidente dell’ufficio cui appartiene il giudice che ha provveduto.
Tanto importa la necessità di procedere alla qualificazione dell’impugnazione
nel senso appena espresso e di disporre la trasmissione degli atti al Presidente
del Tribunale di Napoli per l’ulteriore corso.
P.Q.M.
Qualificato il ricorso come opposizione ex art. 99 DPR n. 115/02, dispone la
trasmissione degli atti al Presidente del Tribunale di Napoli.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio del 27/3/2018.
Il Consigli
Salvator

stensore
vere

Il Presid
Faus

invalidità civile ed è inferiore alla soglia prevista per l’ammissione al beneficio;

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA