Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 18415 del 13/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 4 Num. 18415 Anno 2018
Presidente: CIAMPI FRANCESCO MARIA
Relatore: BRUNO MARIAROSARIA

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
PROCURATORE RINUNCIANTE PRESSO CORTE D’APPELLO DI BRESCIA
nel procedimento a carico di:
TORELLI MARCO nato il 21/02/1988

avverso la sentenza del 03/10/2017 del GIP TRIBUNALE di BERGAMO
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere MARIAROSARIA BRUNO
Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore LUIGI CUOMO
che ha concluso per

Il Proc. Gen. conclude per l’inammissibilita’
Udito il difensore

Data Udienza: 13/04/2018

t

FATTO E DIRITTO

1. Il P.G. presso la Procura Generale di Brescia proponeva ricorso
per Cassazione avverso la sentenza emessa dal G.i.p. del Tribunale di
Bergamo, in data 3/10/2017, nei confronti di Torelli Marco a seguito di
giudizio abbreviato per la contravvenzione di cui all’art. 186, comma 2,
lettera b), cod. strada. Deduceva nell’atto di ricorso la erronea

della pena, per la scelta del rito abbreviato, superiore ad un terzo.
Con atto depositato in data 18/12/2017 innanzi al Tribunale di
Bergamo, il P.G. dichiarava di rinunciare al ricorso, rappresentando che,
a seguito della modifica introdotta dalla legge n. 103 del 23 giugno
2017, in vigore dal 3 agosto 2017, era stata innalzata alla metà la
diminuzione di pena prevista dall’art. 442, comma 2, cod. proc. pen., per
i reati contravvenzionali.

2. Il ricorso è dunque inammissibile ai sensi dell’art. 591, comma 1, lett.
d), cod. proc. pen., attesa la rituale rinuncia all’impugnazione.
P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.
Così deciso il 13 aprile 2018

Il Consigliere estensore
riarosaria Bruno
blOCOC/

determinazione della pena, avendo il giudice effettuato una diminuzione

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA