Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 18378 del 19/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 18378 Anno 2018
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: PEZZULLO ROSA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
PAGANO DONATO nato il 11/06/1965 a TORINO

avverso la sentenza del 02/03/2016 della CORTE APPELLO di TORINO
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ROSA PEZZULLO;

Data Udienza: 19/12/2017

Fatto e diritto
1.Paqano Donato

ricorre avverso la sentenza di cui in epigrafe ; con la quale è stata

confermata nei suoi confronti la condanna alla pena di mesi sei di

reclusione ed

300,00 di multa per il reato di cui agli art. 624, 625 nn 2 e 7 c.p. ritenute le circostanze
attenuanti generiche equivalenti alle aggravanti cd alla recidiva reiterata specifica
infraquinquennale. Deduce il ricorrente l’erronea applicazione dell’art. 99 c.p. e la
mancanza della motivazione sul punto ex art. 606, primo comma, lett. b), ed e) c.p.p.
[I ricorso è inammissibile, siccome generico e, comunque, manifestamente

infondato. Ed invero, la Corte territoriale con motivazione congrua, nel mettere in risalto
che l’imputato ha una personalità negativa, come si evince dalle plurime condanne dall’83
al 2013, molte delle quali per reati contro il patrimonio, ha evidenziato come tali elementi
in concreto impediscono di ritenere che l’ennesima reiterazione di un reato di tale natura
possa considerarsi espressione di una minore capacità a delinquere o minor pericolosità
dell’imputato; al contrario la persistenza nella commissione di reati contro il patrimonio
evidenzia che la pericolosità del Pagano non è in alcun modo diminuita, né vi sono
elementi che inducano a ritenere ciò, in relazione al fatto in concreto ascrittogli . Tale
valutazione non merita censure, atteso che la sentenza impugnata ha dato conto, quindi,
del rapporto esistente tra il fatto per cui si procede e le precedenti condanne, verificando
corre la pregressa condotta criminosa si presenti indicativa di una perdurante inclinazione
al delitto, influente quale fattore criminogeno per la commissione del reato in esame.
3.

Alla inammissibilità del ricorso consegue

ex

art. 616 c.p.p. la condanna del

riccr- rente al pagamento delle spese processuali e di una somma in favore della cassa
delle ammende che, in ragione delle questioni dedotte, si stima equo determinare in
2000,00.
P.Q.M.
Dichiara inammissibile I ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali e al versamento della somma di duemila euro alla cassa delle ammende.
Così de: so il 19.12.2017

2.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA