Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 18368 del 19/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 18368 Anno 2018
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: PEZZULLO ROSA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
DRAGO CARMELO nato il 26/06/1951 a PALERMO

avverso la sentenza del 12/01/2016 del GIUDICE DI PACE di TERMINI IMERESE
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ROSA PEZZULLO;

Data Udienza: 19/12/2017

Fatto e diritto
1.Drago Carmelo

ricorre avverso la sentenza di cui in epigrafe, con la quale è siLata

confermata nei suoi confronti la condanna alla pena di C 300,00 di multa per il reato di
cui all’art. 582 c.p.
Deduce ii ricorrente la mancata applicazione della scriminante di cui all’art. 52 c.n.
l’inidoneità della dichiarazioni della p.o. a supportare il giudizio di responsabilità nei suoi

I r i data 4.5.207 è pervenuta presso questa Corte dichiarazione con la quale Drago
Carrnelo ni3 rinunciato al ricorso.

2.

11 ricorso è inammissibile per intervenuta rinuncia all’impugnazione, dovendo

attribuirsi alla dichiarazione dell’imputato tale valenza.

Ed invero, la rinuncia ali’

impugnazione è una dichiarazione abdicativa, irrevocabile e recettizia, che si esprime in
un atto processuale a carattere formale, cui la legge ricollega l’effetto della
inanmissiblità cieli’impugnazione stessa (Cass., Sez. 1, 12 luglio 1996, Ricci; Cas.;s. 18
genaaio 1991, Lombardi; Cass. 14 gennaio 1994, Borlotti; Cass. 2 febbraio 1996.
Ruggiero; Sez. 1 n. 32155 del 19/06/2013). È altresì negozio formale che non arnmaLe
equipollenti e deve essere formulata nelle forme e nei termini stabiliti dall’art. 539 c.n.b.,
al fine di garantire la provenienza dal soggetto legittimato e la ricezione dell’atto da porte
deg i organi competenti (Sez. 1,n. 32155 del 19/06/2013).
Nel caso di specie sussistono i requisiti fissati dalla legge, in quanto la dichiarazi ne

li r nuncia al ricorso per cassazione è stata fatta personalmente dall’imputato, con f rma
autenticata.
3.

Alia inammissibilità del ricorso consegue

ex art. 616 c.p.p. la condanna del

ricorrente al pagamento delle spese processuali e di una somma in favore della cassa
delle ammende che si stima equo determinare in C 500,00.

P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
PrOCESStIali a al versamento della somma di cinquecento euro alla cassa delle ammende.
i:osì ‘le: so n 19.12.2917

con :ironia

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA