Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 18289 del 12/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 5 Num. 18289 Anno 2018
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: SCOTTI UMBERTO LUIGI CESARE GIUSEPPE

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
SPATARO BIBIANO nato il 12/01/1951 a ROSSANO

avverso la sentenza del 28/06/2017 del TRIBUNALE di CASTROVILLARI
sentita la relazione svolta dal Consigliere UMBERTO LUIGI CESARE GIUSEPPE
SCOTTI;

RITENUTO IN FATTO

1. Con sentenza del 28/6-25/9/2017 il Tribunale di Castrovillari

ha

confermato la sentenza del Giudice di pace di Rossano del 2/5/2016 appellata
dall’imputato Bibiano Spataro, con aggravio delle spese del grado, che l’aveva
condannato alla pena di C 30,00= di multa e al risarcimento del danno nella
misura di C 500,00= in favore della parte civile Stefano Laurenzano, quale
responsabile del delitto di minaccia nei suoi confronti.

2. Ha proposto ricorso personale,

svolgendo due motivi, in data 8-

9/11/2017 l’imputato Bibiano Spataro.

RITENUTO IN DIRITTO

1. il ricorso é inammissibile poiché proposto personalmente dall’imputato
dopo l’entrata in vigore della legge n.103 del 23/6/2017, che ha modificato il
testo degli artt. 571 e 613, comma 1, del codice di rito, escludendo la possibilità

Data Udienza: 12/03/2018

del ricorso personale dell’imputato in sede di legittimità; il ricorso è stato inoltre
proposto contro una sentenza le cui motivazioni sono state depositate dopo
l’entrata in vigore della modifica legislativa.
Ai sensi del comma 5 bis dell’art.610 cod.proc.pen. la Corte provvede a
dichiarare senza formalità di procedura l’inammissibilità del ricorso, ricorrendo
l’ipotesi di cui ali’ art.591, comma 1, lettera a), per difetto di legittimazione.

2. Il ricorso va quindi dichiarato inammissibile; ne consegue la condanna
del ricorrente ai sensi dell’art.616 cod.proc.pen. al pagamento delle spese del
procedimento e al versamento della somma di C 4.000,00= in favore della
Cassa delle ammende, così equitativamente determinata in relazione ai motivi di
ricorso che inducono a ritenere le ricorrenti in colpa nella determinazione della
causa di inammissibilità (Corte cost. 13/6/2000 n.186).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese del procedimento e della somma di C 4.000,00 a favore della Cassa delle
ammende.

Così deciso il 12 marzo 2018.

Il Consigliere estensore

Il Presidente
Stefr Pali

Umberto Luigi S(Cotti,

Depositato in
Roma, lì

v

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA