Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 18218 del 25/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 2 Num. 18218 Anno 2018
Presidente: DAVIGO PIERCAMILLO
Relatore: DE CRESCIENZO UGO

sul ricorso proposto da:
BERNARDO FABIO nato il 16/04/1991 a FOGGIA

avverso l’ordinanza del 21/09/2017 del TRIB. LIBERTA’ di BARI
sentita la relazione svolta dal Consigliere UGO DE CRESCIENZO;
lette/sentite le conclusioni del PG GIULIO ROMANO

Il Proc. Gen. conclude per l’inammissibilita del ricorso.
Udito il-el-i-fe-hser-e

Data Udienza: 25/01/2018

RITENUTO IN FATTO

BERNARDO Fabio, in atti ristretto per la violazione dell’art. 628 cod. pen., personalmente ricorre per Cassazione avverso l’ordinanza 21.9.2017 con la quale il Tribunale per il riesame di Bari, su appello del Procuratore della Repubblica di Foggia,
ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere.
Il ricorrente chiede l’annullamento della decisione impugnata affermando che il
provvedimento impugnato si fonda: a) su una valutazione del contenuto delle

idonee alla identificazione dello stesso ricorrente; b) travisamento delle risultanze
delle indagini; c) su una valutazione peritale delle tracce biologiche, anche essa
non univocamente conducente al ricorrente. Il Bernardo conclude altresì denunciando la violazione dell’art. 275 cod. proc. pen. ben potendo essere assicurate le
esigenze cautelari con misure coercitive meno afflittive.

RITENUTO IN DIRITTO

Tralasciando il fatto che il ricorso è inammissibile per essere generico, incentrato
su valutazioni di merito non mettendo in rilievo, né vizi specifici della motivazione
né specifiche violazioni di norme di legge penale o processuale, va preliminarmente osservato che il ricorso è inammissibile per vizi di forma.
Dall’esame degli atti emerge che il ricorso ex art. 311 cod. proc. pen. è stato sottoscritto personalmente dall’indagato in data 12.10.2017 e pervenuto a questa
Corte in data 25.10.2018.
Ai sensi dell’art. 613 cod. proc. pen., come modificato dall’art.1 comma 63 della
legge 23.6.2017 n. 103, il ricorso per Cassazione può essere sottoscritto, a pena
di inammissibilità, da un difensore iscritto nell’Albo speciale della Corte di Cassazione. La suddetta disposizione è entrata in vigore in data 3.8.2017. Di qui consegue che, ratio temporis, il ricorso del Bernardo, in quanto personalmente sottoscritto in data 12.10.2017 è inammissibile.
Per le suddette ragioni il ricorso è inammissibile e il ricorrente va condannato al
pagamento delle spese processuali e della somma di C 2.000 alla Cassa delle Ammende, così equitativamente determinata la sanzione amministrativa prevista
dall’art. 616 cod. proc. pen., ravvisandosi nella condotta del ricorrente gli estremi
della responsabilità ivi stabilita, mandandosi al sign. Cancelliere per le comunicazioni di legge ex art. 94 disp. att. cod. proc. pen.

conversazioni intercettate nella sala colloqui della Casa circondariale di Foggia non

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di C 2.000,00 in favore della Cassa delle Ammende. Si
provveda ai sensi dell’art. 94 comma 1 ter disp. att. cod. proc. pen.

Così deciso in Roma il 25.1.2018

Il giudice-tensore
Ugo De 4cienzo

il Presidente
Pierc
____…
millo DAVIGO
‘\.

Sentenza a motivazione semplificata.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA