Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 17975 del 26/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 3 Num. 17975 Anno 2018
Presidente: SAVANI PIERO
Relatore: MACRI’ UBALDA

SENTENZA

sul ricorso proposto da Cirillo Oro, nato a Pompei 1’8.7.1968,
avverso la sentenza in data 9.12.2016 della Corte d’appello di Salerno,
visti gli atti, il provvedimento impugnato ed il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Ubalda Macrì;
udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale, Paolo
Canevelli, che ha concluso chiedendo l’annullamento senza rinvio perché il fatto
non è previsto dalla legge come reato;
udito per l’imputato l’avv. Antonio Veropalumbo, che ha concluso chiedendo
l’accoglimento dei motivi di ricorso

RITENUTO IN FATTO

1. Con sentenza in data 9.12.2016 la Corte d’appello di Salerno, in riforma
della sentenza del Tribunale di Nocera Inferiore in data 1.10.2014, ha dichiarato
di non doversi procedere nei confronti di Cirillo Ciro per intervenuta prescrizione
del reato contestatogli di cui all’art. 10-ter d. Lgs. 74/2000 perché, in qualità di
legale rappresentante della S.E.T.I. s.n.c. di Cirillo Ciro e Flaminio, non aveva
versato VIVA per l’anno 2006 entro il termine per il versamento dell’acconto
relativo al periodo d’imposta successivo, in Pagani il 27.12.2007.

2. Con un unico motivo, l’imputato lamenta la violazione dell’art. 606,
comma 1, lett. b), cod. proc. pen., in relazione al combinato disposto degli art. 2
e 129 cod. proc. pen., perché avrebbe dovuto essere assolto con la formula

Data Udienza: 26/10/2017

”perché il fatto non è previsto dalla legge come reato”, a seguito
dell’innalzamento delle soglie dei reati di cui agli art. 10-bis e 10-ter, d. Lgs.
74/2000, per effetto del d.Lgs. 158/15, entrato in vigore a partire dal
22.10.2015, e quindi in data antecedente alla pronuncia della sentenza di
appello.

CONSIDERATO IN DIRITTO

E’ stato accertato un omesso versamento dell’IVA di C 137.852,00 per
l’anno 2006, sicché si impone l’annullamento della sentenza di condanna senza
rinvio perché il fatto non è previsto dalla legge come reato, a seguito della
novella dell’art. 10-ter d. Lgs. 74/2000 per effetto dell’art. 8 d. Lgs. 158/2015,
che ha innalzato la soglia della punibilità ad C 250.000,00 per ciascun periodo
d’imposta.

P.Q. M.
annulla senza rinvio la sentenza impugnata perché il fatto non è previsto dalla
legge come reato

Così deciso, il 26 ottobre 2017.
Il Consigliere estensore
1.1balM

ft, i Rio,„

3. Il ricorso è fondato

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA