Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 17650 del 06/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 17650 Anno 2018
Presidente: IASILLO ADRIANO
Relatore: PACILLI GIUSEPPINA ANNA ROSARIA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
ZIMMITTI SEBASTIANO nato il 24/07/1971

avverso la sentenza del 15/12/2016 della CORTE APPELLO di CATANIA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere GIUSEPPINA ANNA ROSARIA PACILLI;

Data Udienza: 06/03/2018

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO
1. Con la sentenza indicata in epigrafe, la Corte d’appello di Catania ha
confermato la sentenza emessa dal Tribunale della stessa città, con cui ZIMMITI
Sebastiano e

zimmkI Angelo sono stati condannati alla pena ritenuta di giustizia in

relazione ai reati di cui ai capi A e B della rubrica.
Ha proposto ricorso per cassazione ZIMMITI Sebastiano, deducendo la
violazione di legge e vizi di motivazione, per avere la Corte territoriale affermato la

sottoposte al vaglio di credibilità, e in assenza dei requisiti oggettivi e soggettivi del
delitto di tentata estorsione.
2. Il ricorso è inammissibile perché proposto per motivi privi di specificità e
comunque manifestamente infondati.
Il ricorrente reitera, per di più genericamente, doglianze già disattese dalla Corte
territoriale con argomentazioni corrette, logiche, non contraddittorie e, pertanto,
esenti da vizi censurabili in questa sede.
La Corte di merito ha espressamente motivato sull’attendibilità della persona
offesa, le cui dichiarazioni trovavano conferma anche nelle video riprese,
nuovamente riviste in aula, e in quanto aveva riferito il Ternullo nel corso del suo
interrogatorio di garanzia. Ha altresì spiegato le ragioni della ritenuta sussistenza
degli elementi costitutivi del tentativo di estorsione (v. f. da 2 a 7 della sentenza
impugnata.
Le doglianze del ricorrente si risolvono, dunque, in una sollecitazione a valutare
diversamente il materiale probatorio: richiesta, questa, inammissibile, restando
precluse, in sede di legittimità, la rilettura degli elementi di fatto, posti a fondamento
della decisione, e l’autonoma adozione di nuovi e diversi parametri di ricostruzione e
valutazione dei fatti.
3. La declaratoria di inammissibilità totale del ricorso comporta, ai sensi dell’art.
616 c.p.p., la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali, nonché —
valutati i profili di colpa nella proposizione del ricorso inammissibile (Corte cost., 13
giugno 2000 n. 186) – della somma indicata in dispositivo in favore della Cassa delle
Ammende a titolo di sanzione pecuniaria.
P.Q.M.

541

responsabilità dell’imputato sulla base delle dichiarazioni della persona offesa, non

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e al versamento della somma di euro duemila alla Cassa delle
ammende.

Così deciso in Roma, udienza camerale del 6 marzo 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA