Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 17626 del 06/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 17626 Anno 2018
Presidente: IASILLO ADRIANO
Relatore: DI PISA FABIO

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
NDAO MASSAER nato il 07/02/1980

avverso la sentenza del 23/01/2017 della CORTE APPELLO di GENOVA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere FABIO DI PISA;

Data Udienza: 06/03/2018

R.G. 31918/2017

FATI-0 E DIRITTO
1. NDAO Massaer, a mezzo difensore, ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza
in epigrafe deducendo violazione di legge lamentando che la corte territoriale nel ridurre la
pena irrogata in primo grado aveva omesso di sostituire la reclusione con la corrispondente
libertà controllata ex artt. 53 e 57 L. 689/1981 come irrevocabilmente disposto dal giudice in

2. Il ricorso è inammissibile.
Occorre rilevare che nella pronunzia impugnata è detto che la sentenza doveva essere
“parzialmente riformata” in punto di determinazione della pena “e confermata nel resto (in
particolare quanto alla sostituzione della pena detentiva nella libertà controllata in misura del
doppio, alla concessione del beneficio della sospensione condizionale della pena…..)” e così
nella parte dispositiva indicata la riduzione della pena è detto, il ultimo, “Conferma nel resto”.
Risulta evidente che il ricorrente non ha nulla di cui dolersi e che difetta l’ interesse ad
impugnare il provvedimento atteso che nella citata sentenza è stato stabilito che la minore
pena comminata debba essere sostituita con la corrispondente libertà controllata ex artt. 53 e
57 L. 689/1981.

3. Per le considerazioni esposte, dunque, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile. Alla
declaratoria d’inammissibilità consegue, per il disposto dell’art. 616 cod. proc. pen., la
condanna del ricorrenti al pagamento delle spese processuali nonché al pagamento alla Cassa
delle Ammende di una somma che, ritenuti e valutati i profili di colpa emergenti dal ricorso, si
determina equitativamente in euro duemila

P.Q.M.
dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e
al versamento della somma di duemila euro alla Cassa delle Ammende.
Così deciso in Roma, il 6 Marzo 2018

consigliere estensore

H presidente

primo grado.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA