Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 17506 del 23/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 17506 Anno 2018
Presidente: PAOLONI GIACOMO
Relatore: CAPOZZI ANGELO

SENTENZA
sui ricorsi proposti da:
BEVILACQUA ALESSANDRO nato il 03/02/1988 a MELITO DI PORTO SALVO
MORELLI VITO nato il 03/06/1986 a MELITO DI PORTO SALVO

avverso la sentenza del 20/10/2015 della CORTE APPELLO di REGGIO CALABRIA
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere ANGELO CAPOZZI
Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore PAOLA FILIPPI
che ha concluso per il rigetto dei ricorsi.
Udito il difensore avv.IARIA Giacomo, in difesa dei ricorrenti, che insiste per
l’accoglimento dei motivi.

Data Udienza: 23/03/2018

RITENUTO IN FATTO

1. Con la sentenza in epigrafe la Corte di appello di Reggio Calabria,
a seguito di gravame interposto dagli imputati Alessandro BEVILACQUA
e Vito MORELLI avverso la sentenza emessa il 30.4.2014 dal GIP del
Tribunale di Reggio Calabria, ha confermato la decisione con la quale i

A)[artt. 99, comma 4, seconda parte, 99, comma 2 n. 1) e 2), 110, 624,
625 nn. 2), 4) e 5) cod. pend, il solo MORELLI del reato di cui al capo
Bp[artt. 99 comma 4, 99 comma 2 n. 1) e 2), 110, 337, 61 n. 2 cod.
pend, entrambi, altresì, del reato di cui al capo C) (artt. 110 cod. pen.,
4, comma 2, I. n. 110/75) loro rispettivamente ascritti, condannandoli a
pena di giustizia.
2. Avverso la sentenza hanno proposto ricorso gli imputati, con
unico atto del difensore, deducendo:
2.1. In relazione ad entrambi, violazione dell’art. 62 bis cod. pen. e
vizio della motivazione per il diniego delle attenuanti generiche sulla
base della sola sussistenza in capo ai ricorrenti di precedenti penali,
senza considerare gli elementi circostanziali di cui all’art. 133 cod. pen..
2.2. In relazione ad entrambi, violazione dell’art. 99 cod. pen. e
vizio della motivazione essendo stato applicato in via automatica
l’aumento per la recidiva.
2.3. Per il solo MORELLI violazione dell’art. 81 cod. pen. e vizio della
motivazione in ordine al mancato riconoscimento della continuazione tra
i reati in contestazione e, segnatamente, con quello realizzato con la
fuga.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorsi sono inammissibili.
2.11 primo motivo è manifestamente infondato, quando non
genericamente proposto, rispetto alla giustificazione del diniego delle
1

predetti imputati sono stati riconosciuti colpevoli dei reati di cui ai capi

attenuanti generiche nei confronti di entrambi gli imputati sulla base dei
reiterati, gravi e specifici precedenti ed alla valutazione della allarmante
personalità manifestata nell’occasione, oltre alla mancata allegazione di
elementi di segno contrario.
3. Il secondo motivo è inammissibile ai sensi dell’art. 606, comma
3, cod. proc. pen. avendo ad oggetto questione – come si desume dal

4. Il terzo motivo è manifestamente infondato rispetto
all’ineccepibile diniego del vincolo della continuazione basato sulla
contingente, improvvisa e non prevedibile in precedenza resistenza
conseguente all’inopinato intervento dei carabinieri.
5. All’inammissibilità dei ricorsi consegue la condanna dei ricorrenti
al pagamento delle spese processuali e ciascuno al versamento della
somma che si stima equo determinare in euro duemila in favore della
cassa delle ammende.

P.Q.M.

Dichiara inammissibili i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento
delle spese processuali e ciascuno al versamento della somma di euro
duemila in favore della cassa delle ammende.
Così deciso il 23.3.2018.

Il Componente estensore

Il Presidente

Angelo Capozzi

G i acomclPaolofi

/1A./

testo della sentenza impugnata – non dedotta in appello.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA