Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 17291 del 23/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 17291 Anno 2018
IN FATTO
Presidente: CAVALLO RITENUTO
ALDO
Con la sentenza indicata in epigrafe la Corte d’appello di Bologna, provvedendo

Relatore: LIBERATI GIOVANNI

sulla impugnazione di Braian Salaris avverso la sentenza del 19/12/2016 del Tribunale di

Data Udienza: 23/02/2018

Parma, con cui lo stesso era stato condannato in relazione al reato di cui all’art. 73,
commi 1 e 4, d.P.R. 309/90, ha riqualificato il fatto ai sensi del quinto comma dell’art. 73
d.P.R. 309/90, rideterminando la pena e confermando nel resto la sentenza impugnata.
Avverso tale sentenza l’imputato ha proposto ricorso per cassazione, lamentando

CONSIDERATO IN DIRITTO
Il ricorso è inammissibile ai sensi dell’art. 591, comma 1, lett. d), cod. proc.
pen., attesa l’intervenuta rinuncia al ricorso da parte del ricorrente, a mezzo del suo
difensore, abilitato da procura speciale appositamente conferitagli dall’imputato,
depositata presso la Corte d’appello di Bologna il 27/10/2017 e pervenuta presso la
cancelleria di questa Corte il 9/2/2018.
Alla declaratoria d’inammissibilità segue, per legge, la condanna del ricorrente al
pagamento delle spese processuali, nonché (trattandosi di causa di inammissibilità
riconducibile alla volontà, e quindi a colpa, del ricorrente: cfr. Corte Costituzionale
sentenza n. 186 del 7-13 giugno 2000) al versamento, a favore della Cassa delle
ammende, di una somma che si ritiene equo e congruo determinare in Euro 500,00,
essendo la dichiarazione di rinuncia stata depositata successivamente al deposito del
ricorso e anche alla fissazione dell’udienza camerale di trattazione dello stesso.

P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di C 500,00 in favore della Cassa delle ammende.
Così deciso in Roma, il 23 febbraio 2018
Il Consigliere estensore

Il Presidente

l’insufficienza e la contraddittorietà della motivazione.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA