Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 17240 del 23/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 17240 Anno 2018
Presidente: CAVALLO ALDO
Relatore: LIBERATI GIOVANNI

sul ricorso prgposto da:
GUARNIERI NIICO nato il 21/10/1989 a SANT’OMERO

avverso la sentenza del 01/06/2016 della CORTE APPELLO di L’AQUILA
dato avviso aie parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere GIOVANNI LIBERATI;

Data Udienza: 23/02/2018

RITENUTO IN FATTO
Con la sentenza indicata in epigrafe la Corte d’appello di L’Aquila, in parziale
riforma della sentenza del 18/6/2014 del Tribunale di Teramo, con cui Nico Guarnieri era
stato condannato alla pena di mesi sei di reclusione e di euro 1.400,00 di multa, in
relazione al reato di cui all’art. 73, comma 5, d.P.R. 309/90, ha eliminato il beneficio
della sospensione condizionale della pena, confermando nel resto la sentenza impugnata.
Avverso tale sentenza l’imputato ha proposto ricorso per cassazione, lamentando

Bonfiglio, e anche l’insufficiente considerazione nella determinazione della pena della
personalità dell’imputato e del reale disvalore delle condotte ascrittegli, giudicate gravi
dalla Corte d’appello nonostante il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche
e l’assoluzione dell’imputato dalle altre condotte contestate.

CONSIDERATO IN DIRITTO
Il ricorso, peraltro riproduttivo dei motivi d’appello già adeguatamente
considerati dalla Corte territoriale, è inammissibile, sia perché affidato a doglianze
generiche, prive di autentico confronto critico con la motivazione della sentenza
impugnata, sia perché volto a sindacare la valutazione di merito in ordine alla
adeguatezza del trattamento sanzionatorio.
La Corte d’appello ha, infatti, sottolineato gli elementi posti a fondamento del
giudizio di attendibilità del teste Bonfiglio (costituiti dalla precisione di quanto dallo stesso
dichiarato a proposito delle modalità dell’accordo con l’imputato e della successiva
cessione della sostanza stupefacente, dalla assenza di elementi di segno contrario, dalla
indicazione della persona che gli aveva fornito il numero di telefono dell’imputato), e con
tali considerazioni, idonee a fondare in modo logico tale giudizio, il ricorrente ha omesso
di confrontarsi, limitandosi ad affermare genericamente l’insufficienza della motivazione
sul punto, con la conseguente inammissibilità della doglianza a causa della sua genericità
intrinseca ed estrinseca.
La censura in ordine alla misura della pena è volta a sindacare una valutazione di
merito compiuta dai giudici dell’impugnazione, di cui è stata fornita adeguata
giustificazione, attraverso il riferimento alla gravità dei fatti e ai precedenti dell’imputato,
sottolineando la mitezza della pena, in quanto prossima al minimo edittale: si tratta di
motivazione pienamente idonea a dar conto delle ragioni poste a fondamento del rigetto
della richiesta di riduzione della pena, immune da vizi logici (non essendovi contrasto sul
piano logico con il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche, che hanno
diversa finalità) e non sindacabile sul piano del merito nel giudizio di legittimità.
Il ricorso deve, pertanto, essere dichiarato inammissibile.
Tenuto conto della sentenza 13 giugno 2000, n. 186, della Corte costituzionale e
rilevato che, nella fattispecie, non sussistono elementi per ritenere che «la parte abbia

1

mancanza di motivazione riguardo alla ricostruzione del fatto e alla attendibilità del teste

proposto il ricorso senza versare in colpa nella determinazione della causa di
inammissibilità», alla declaratoria dell’inammissibilità medesima consegue, a norma
dell’art. 616 cod. proc. pen., l’onere delle spese del procedimento nonché quello del
versamento della somma, in favore della Cassa delle ammende, equitativamente fissata
in C 3.000,00.
P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle

Così deciso in Roma, il 23 febbraio 2018
Il Consigliere estensore

Il Presidente

spese processuali e della somma di C 3.000,00 in favore della Cassa delle ammende.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA