Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 17204 del 29/09/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 1 Num. 17204 Anno 2018
Presidente: MAZZEI ANTONELLA PATRIZIA
Relatore: SARACENO ROSA ANNA

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE
DI ASTI
nei confronti di:
VARODI LAURA IULIANA N. IL 18/07/1966
avverso l’ordinanza n. 304/2016 TRIBUNALE di ASTI, del 21/11/2016
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ROSA ANNA
SARACENO;
lette/sentite le conclusioni del PG Dott.

Uditi difensor Avv.;

Data Udienza: 29/09/2017

Lette le conclusioni del Sostituto Procuratore generale, in persona del dott.
Giulio Romano, che ha chiesto l’annullamento senza rinvio dell’ordinanza
impugnata.

Ritenuto in fatto e considerato in diritto

1. Il Procuratore della Repubblica di Asti ricorre avverso l’ordinanza indicata

cod. proc. pen., comma 2, l’estinzione dei reati giudicati con sentenza, 9 luglio
2014, irrevocabile il 16 ottobre 2014, pronunziata nei confronti di Varodi Laura
Iuliana, deducendo inosservanza della legge penale perché, trattandosi di delitti
(artt. 476-482, 468, 640 e 348 cod. pen.) non era ancora decorso il termine di
cinque anni dal passaggio in giudicato della sentenza.

2. Il ricorso è fondato.
A fini della causa di estinzione prevista dall’art. 445, comma 2, cod. proc.
pen., secondo il chiaro contenuto di tale disposizione, rileva solamente l’assenza
della consumazione di nuovo reato nel termine di cinque anni, quando la
sentenza concerne un delitto, ovvero di due anni, quando concerne una
contravvenzione; il provvedimento impugnato è incorso in errore nell’indicare
decorso il prescritto termine di osservazione pur essendo stata la pena
concordata applicata in relazione a delitti e non a contravvenzioni.
Consegue l’annullamento senza rinvio dell’ordinanza impugnata.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio l’ordinanza impugnata.
Così deciso in Roma, il 29 settembre 2017

Il •insigliere ptensore
.52…x

Il Presidente

in epigrafe, con la quale il Tribunale di Asti ha dichiarato, ai sensi dell’art. 445

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA