Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 16738 del 01/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 5 Num. 16738 Anno 2018
Presidente: FUMO MAURIZIO
Relatore: DE MARZO GIUSEPPE

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
PIERAZZO AGOSTINO nato il 29/08/1959 a CAMPODARSEGO

avverso la sentenza del 07/12/2016 del GIUDICE DI PACE di PADOVA
visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere GIUSEPPE DE MARZO
Udito il Procuratore Generale, in persona del Dott. FERDINANDO LIGNOLA
che ha concluso per l’inammissibilità

Data Udienza: 01/02/2018

Ritenuto in fatto
1. Con sentenza del 07/12/2016 il giudice di pace di Padova ha condannato
Agostino Pierazzo alla pena di euro 600,00 di multa, avendolo ritenuto
responsabile del reato di lesioni commesso in danno di Riccardo Zoia.
2.

Nell’interesse del Pierazzo è stato proposto ricorso per cassazione per

violazione di legge, rilevando: a) che né la denuncia querela né il verbale di
sommarie informazioni testimoniali contenevano elementi di identificazione
dell’autore della condotta descritta e che successivamente a tali atti non risultava
effettuato dalla polizia giudiziaria alcun atto di indagine volto alla precisa

illustrato le ragioni giustificative del diniego delle circostanze attenuanti
generiche (secondo motivo).

Considerato in diritto
1. Il primo, assorbente motivo è fondato, dal momento che, secondo il puntuale
riferimento contenuto in ricorso, non è presente alcun atto istruttorio che
documenti l’identificazione nell’imputato del conducente dell’autobus che ebbe ad
aggredire lo Zoia.
La sentenza va, pertanto, annullata con rinvio per nuovo esame al giudice di
pace di Padova.

P.Q.M.
Annulla la sentenza impugnata con rinvio per nuovo esame al giudice di pace di
Padova.
Così deciso il 01/02/2018
liere estensore

Il Presidente
Maurizio Fumo

Depositato in Cancelleria
Roma, lì

#4…Ap

individuazione del responsabile (primo motivo); b) il giudice di pace non aveva

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA