Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 16694 del 30/10/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 3 Num. 16694 Anno 2018
Presidente: CAVALLO ALDO
Relatore: SOCCI ANGELO MATTEO

ORDINANZA
sui ricorsi proposti da:
PICARELLA GIUSEPPE nato il 20/07/1954 a COMISO
FRIGIONE CONCETTA nato il 09/07/1973 a MESSINA

avverso la sentenza del 27/10/2016 della CORTE DI CASSAZIONE di ROMA
sentita la relazione svolta dal Consigliere ANGELO MATTEO SOCCI;
sentite le conclusioni del PG LUIGI CUOMO: “Si corregga l’errore materiale”.

Data Udienza: 30/10/2017

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il dispositivo risultante dal ruolo di udienza del 27 ottobre 2016,
camera di consiglio sul ricorso n. 194/2016 (ricorrenti Picarella Giuseppe
e Frigione Concetta), contiene un semplice errore materiale, che non ne

rinuncia e condanna ciascun ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di C 500,00 in favore della Cassa delle
ammende», è scritto «Dichiara inammissibile il ricorso per rinuncia e
condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della
somma di C 500 in favore della Cassa delle ammende»; si deve quindi
procedere alla correzione dell’errore materiale, sostituendo il dispositivo
del ruolo come indicato sopra.

P.Q.M.

Corregge l’errore materiale contenuto nel dispositivo – risultante dal
ruolo di udienza – del 27 ottobre 2016, camera di consiglio sul ricorso n.
194/2016 (ricorrenti Picarella Giuseppe e Frigione Concetta), sostituendo
«Dichiara inammissibile il ricorso per rinuncia e condanna il ricorrente al
pagamento delle spese processuali e al versamento della somma di C 500
alla Cassa delle ammende», con: « Dichiara inammissibili i ricorsi per
rinuncia e condanna ciascun ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di C 500,00 in favore della Cassa delle
ammende ».
Così deciso il 30/10/2017

inficia il contenuto, ovvero in luogo di «Dichiara inammissibili i ricorsi per

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA