Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 16024 del 13/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 16024 Anno 2018
Presidente: MOGINI STEFANO
Relatore: GIANESINI MAURIZIO

ORDINANZA
sui ricorsi proposti da:
GARBATI MANOLETE ROMOLO nato il 09/12/1962 a ANCONA
GARBATI RICCARDO nato il 22/07/1967 a ANCONA

avverso la sentenza del 22/04/2016 della CORTE APPELLO di ANCONA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere MAURIZIO GIANESINI;

Data Udienza: 13/03/2018

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO
– ritenuto che il Difensore di GARBATI Manolete Romolo e di GARBATI
Riccardo ha proposto ricorso per Cassazione contro la sentenza con la quale la
Corte di Appello di ANCONA ha confermato la sentenza di primo grado che aveva
condannato l’imputato alla pena complessiva di sette mesi di reclusione per i
reati di cui agli artt. 336 3 341 bis cod. pen.;

– considerato comunque che la Corte ha avuto modo di chiarire che le
testimonianze assunte erano univoche nell’indicare che entrambi gli imputati
avevano iniziato ad aggredire verbalmente l’ Isp. CHIAPPA impedendogli di
compiere il controllo di polizia e l’identificazione dei presenti in un locale
pubblico, tra i quali anche i ricorrenti, oltraggiandolo poi con le espressioni
indicate sempre nell’imputazione;
– considerato conseguentemente che il ricorso è originariamente
inammissibile in quanto proposto per motivi generici e comunque
manifestamente infondati, con le conseguenze di cui all’art. 616 cod. proc. pen.;

P.Q.M.
Dichiara inammissibili i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese
processuali e, ciascuno, della somma di 3.000,00 euro a favore della cassa delle
ammende.
Così deciso il 13 marzo 2018.

– ritenuto che i ricorrenti hanno dedotto un unico motivo di ricorso con il
quale hanno lamentato vizi di motivazione e hanno prospettato una ricostruzione
alternativa, in fatto, rispetto a quella operata dalla Corte, con prospettazioni
quindi che non possono trovare ingresso in questa sede;

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA