Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 15966 del 15/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 15966 Anno 2018
Presidente: DI STEFANO PIERLUIGI
Relatore: VILLONI ORLANDO

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
BALDE BUBACAR nato il 01/01/1972

avverso la sentenza del 03/11/2016 della CORTE APPELLO di BRESCIA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ORLANDO VILLONI;

Data Udienza: 15/02/2018

MOTIVI DELLA DECISIONE

Balde Bubacar ricorre contro l’indicata sentenza della Corte d’Appello di Brescia
che ne ha ribadito la responsabilità in ordine al reato di cui all’art. 73, comma 1
d.P.R. n. 309 del 1990, confermando la pena inflittagli in primo grado in misura
di tre anni, sei mesi e venti giorni di reclusione ed € 12.000,00 di multa.
Il ricorrente deduce vizio di motivazione in ordine alla ritenuta manifesta infon-

sanzionatoria attualmente esistente tra droghe leggere e droghe pesanti.
L’impugnazione è inammissibile poiché manifestamente infondata, atteso che
la Corte Costituzionale ha già dichiarato inammissibile la questione con sentenza
n. 148 del 1° giugno 2016 e poi manifestamente inammissibile con ordinanza n.
184 del 6 giugno — 13 luglio 2017, pronunce di nuovo ribadite con sentenza n.
179 del 6 giugno 2017.
Alla dichiarazione d’inammissibilità dell’impugnazione segue, come per legge,
la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e al versamento di una somma in favore della cassa delle ammende, che stimasi equo quantificare in € 3.000,00 (tremila).

P. Q. M.

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di Euro tremila in favore della cassa delle ammende.

Roma, 15 febbraio 2018

datezza della questione di legittimità costituzionale avente ad oggetto la forbice

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA