Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 15868 del 04/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 15868 Anno 2018
Presidente: ROTUNDO VINCENZO
Relatore: DI STEFANO PIERLUIGI

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
ALOUI MASKHI AYADI nato il 21/07/1982

avverso la sentenza del 01/03/2018 della CORTE APPELLO di BOLOGNA
sentita la relazione svolta dal Consigliere PIERLUIGI DI STEFANO;
sentite le conclusioni del PG MARIELLA DE MASELLIS che ha chiesto
dichiararsi l’inammissibilità del ricorso.

MOTIVI DELLA DECISIONE
La Corte,
letta la sentenza del 1° marzo 2018 con la quale la Corte di Appello di
Bologna ha disposto l’esecuzione del mandato di arresto europeo emesso il 10
gennaio 2018 dal Tribuna! de Grande Istance di Metz – Francia nei confronti di
Aloui Maskhi Ayadi in relazione a reati di falsificazione di denaro, ricettazione e
truffa.
Letto il ricorso presentato a messo del difensore con cui si deduce:
1 la violazione di legge per non essere stato trasmesso unitamente al
mandato di arresto europeo il provvedimento giurisdizionale interno con la
conseguente impossibilità di verifica se lo stesso sia proveniente da un giudice.
2. la violazione dell’art. 6, comma 5, I. 69/2001 per mancanza di indicazione
delle fonti di prova
Ritenuto il ricorso infondato in quanto:

Data Udienza: 04/04/2018

il MAE dà atto della emissione del provvedimento da parte di una
Autorità Giudiziaria e, del resto, sul punto il ricorrente si limita ad una
generica contestazione;
La sentenza impugnata riferisce dell’adeguato contenuto del
provvedimento Mae e, anche in questo caso, vi è solo una generica
contestazione.
P.Q.M.
Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese

5, legge n. 69/2005.
Roma, così deciso ella camera di consiglio del 4 aprile 2018
Il Consigli

esten ore

il Presidente

Pierluigi v

efano

Vi cenzo Rotundo

i

WpvtA9-0

titV

processuali. Manda alla cancelleria per gli adempimenti di cui all’art. 22, comma

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA