Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 15691 del 29/01/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 4 Num. 15691 Anno 2015
Presidente: BRUSCO CARLO GIUSEPPE
Relatore: MASSAFRA UMBERTO

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
FRACCHIA PAOLO N. IL 14/04/1972
avverso la sentenza n. 111/2014 TRIBUNALE di SAVONA, del
25/02/2014
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 29/01/2015 la relazione fatta dal
Consigliere Dott. UMBERTO MASSAFRA
Udito il Procuratore Generaleinzrsona del Dott.(~5,0.4.,’ito
che ha concluso per
4o.

;e 7

c.

Udito, per la parte civile
Uditi difensor A

Data Udienza: 29/01/2015

Ritenuto in fatto
1.Ricorre per cassazione il difensore di fiducia di Fracchia Paolo avverso la sentenza
emessa in data 25.2.2014 dal Giudice monocratico del Tribunale di Savona che
condannava il predetto alla pena di € 8.000,00 di ammenda per il reato di guida senza
patente di un ciclomotore tipo Ape Piaggio 50 perchè revocata.
2. Deduce la violazione di legge in ordine alla quantificazione della pena e alla
mancata concessione del beneficio della sospensione condizionale della pena.

3. Il ricorso è fondato e merita accoglimento.
4. Al di là dei motivi di ricorso, si deve rilevare d’ufficio in via preliminare ed
assorbente, ai sensi dell’art. 129 comma 10 c.p.p., che il fatto contestato non è
previsto dalla legge come reato.
Infatti, non integra il reato previsto dall’art. 116, comma tredicesimo, cod. strada, ma
la violazione amministrativa sanzionata dall’art. 116, comma 13-bis, la guida di un
ciclomotore con cilindrata fino a 50 cc., come nel caso di specie, senza aver
conseguito il prescritto certificato di idoneità (Cass. pen. Sez. IV, n. 23631 del
19.4.2012, Rv. 253129).
5. Consegue l’annullamento della sentenza impugnata senza rinvio.

P.Q.M.
Annulla senza rinvio la sentenza impugnata perché il fatto non è previsto dalla legge
come reato.
Così deciso in Roma, il 29.1.2015

Considerato in diritto

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA