Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 15213 del 10/03/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 4 Num. 15213 Anno 2015
Presidente: ZECCA GAETANINO
Relatore: SERRAO EUGENIA

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
PROCURATORE GENERALE PRESSO CORTE D’APPELLO DI
BRESCIA
nei confronti di:
ZIGLIOLI FRANCESCO N. IL 03/12/1991
avverso la sentenza n. 6385/2013 GIUDICE UDIENZA
PRELIMINARE di BRESCIA, del 29/04/2014
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. EUGENIA SERRAO;
lette~ le conclusioni del PG Dott.

Mario Fraticelli, che nella requisitoria scritta ha concluso
per l’annullamento della sentenza impugnata limitatamente
alla sanzione amministrativa accessoria della patente di
guida, con rinvio al giudice di merito;

Uditi di ensor Avv.;f

Data Udienza: 10/03/2015

RITENUTO IN FATTO

1. Il Giudice dell’Udienza preliminare presso il Tribunale di Brescia, con
sentenza del 29/04/2014, ha applicato ai sensi dell’art.444 cod. proc. pen. nei
confronti di Ziglioli Francesco, imputato della contravvenzione prevista
dall’art.186 bis, comma 1, lett. a), e 3, seconda ipotesi, d. Igs. 30 aprile 1992,
n.285, la pena di mesi cinque di arresto ed euro 2.000,00 di ammenda, sostituita
con il lavoro di pubblica utilità, previa concessione delle attenuanti generiche,

strada, e applicazione della diminuente per il rito, con sospensione della patente
di guida per la durata di otto mesi.

2. Il Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di
Brescia propone ricorso per cassazione per violazione dell’art.186 bis, comma 3,
e dell’art.186 cod. strada. Il ricorrente censura l’applicazione della sanzione
amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida per la durata
di otto mesi pur trattandosi di guida di un autoveicolo appartenente a persona
estranea al reato con tasso alcolemico superiore a g/I 1,5, laddove a norma
dell’art. 186, comma 2, lett. c) cod. strada all’accertamento del reato consegue
la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da
uno a due anni, da aumentare da un terzo alla metà in caso di appartenenza del
veicolo a persona estranea al reato.

3.

Il Procuratore Generale, in persona del dott. Mario Fraticelli, nella

requisitoria scritta ha concluso per l’annullamento della sentenza impugnata
limitatamente alla sanzione amministrativa accessoria della patente di guida, con
rinvio al giudice di merito.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso è fondato.

2.

Nel caso di specie, la pronuncia di applicazione della pena ai sensi

dell’art.444 cod. proc. pen. concerne il reato di guida in condizioni di ebbrezza
alcolica in ora notturna, commesso da persona minore degli anni 21, con tasso
alcolemico pari a 1,98-2,11 g/l, dal cui accertamento consegue, secondo il
combinato disposto degli artt.186 bis, comma 3, e 186, comma 2, lette cod.
strada, la sanzione accessoria della sospensione della patente di guida da due a
quattro anni, aumentata da un terzo alla metà. Il decidente risulta aver applicato

2

ritenuta in fatto contestata l’aggravante di cui all’art.186, comma 2-sexies, cod.

la sanzione accessoria della sospensione della patente per otto mesi. Ma l’art.3,
comma 45, legge 15 luglio 2009, n.94, in vigore all’epoca del fatto e non attinto
da successive modifiche sul punto, ha previsto che la misura della sanzione
amministrativa accessoria in esame, stabilita dall’art.186, comma 2, lett.c) cod.
strada da un minimo di un anno ad un massimo di due, sia raddoppiata nel caso
di appartenenza del veicolo a persona estranea al reato e l’art.186 bis, comma 3,
cod. strada prevede l’ulteriore aumento da un terzo alla metà della medesima
sanzione. Risultando dall’annotazione di Polizia Giudiziaria allegata al ricorso che

la sanzione accessoria in misura inferiore al minimo previsto dalla legge.

3. Poiché l’applicazione in concreto di tali criteri comporta l’uso dei poteri
discrezionali riservati al giudice di merito, in accoglimento del ricorso proposto
dal Procuratore Generale la sentenza impugnata deve essere annullata
limitatamente al punto in cui dispone l’applicazione della predetta sanzione
amministrativa in misura inferiore al minimo edittale, con rinvio al Tribunale di
Brescia.

P.Q.M.

Annulla con rinvio la impugnata sentenza limitatamente alla durata della
sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida e
dispone la trasmissione degli atti al Tribunale di Brescia per nuovo esame sul
punto.

Così deciso il 10/03/2015

il veicolo è intestato a persona estranea al reato, il giudice ha, dunque, irrogato

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA