Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 15 del 26/11/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 1 Num. 15 Anno 2015
Presidente: SIOTTO MARIA CRISTINA
Relatore: LOCATELLI GIUSEPPE

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
COPPOLECCHIA SERGIO N. IL 14/03/1950
avverso la sentenza n. 1471/2011 CORTE APPELLO di BARI, del
23/05/2013
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 26/11/2014 la relazione fatta dal
Consigliere Dott. GIUSEPPE LOCATELLI
Udito il Procuratore Geperale in persona del Dott. 9.5c0A, ,
-e~to rac~_ Nevvou;
che ha concluso per 2 f

Udito, per la parte civile, l’Avv
Udit i difensor Avv.

Data Udienza: 26/11/2014

RITENUTO IN FATTO
Con sentenza del

10.12.2012 il Tribunale di Trani sez.dist. di

Molfetta assolveva Coppolecchia Sergio dai reati previsti dagli artt.594 e
612 cod.pen.; lo dichiarava colpevole del reato previsto dall’art.660
cod.pen. perché, per biasimevole motivo, effettuava numerose
telefonate anonime, senza profferire parola, recando molestia a Campana
Andrea, fatti commessi dal mese di luglio al mese di ottobre del 2005;

Con sentenza del 22.7.2013 la Corte di appello Bari confermava la
decisione del Tribunale appellata dalla parte civile e dal pubblico
ministero .
Avverso la sentenza il difensore dell’imputato Coppolecchia
proponeva ricorso per cassazione deducendo i seguenti motivi:1) la Corte
di appello ha omesso di pronunciarsi sull’impugnazione della sentenza di
primo grado proposta dall’imputato a mezzo di ricorso per cassazione,
convertitosi in appello a seguito della impugnazione del pubblico
ministero, con conseguente mancanza totale di motivazione; 2)violazione
degli artt.129 cod.proc.pen. e 157 cod.pen. poiché, anche tenendo conto
dei periodi di sospensione della prescrizione, il reato doveva essere
dichiarato estinto per decorso del termine di prescrizione maturata al
novembre del 2010 o comunque prima della pronuncia della sentenza di
appello.
CONSIDERATO IN DIRITTO
Il secondo motivo di ricorso, inerente il decorso del termine di
prescrizione, è fondato ed assorbente del primo motivo.
Trattandosi di reato contravvenzionale commesso sino ad ottobre
2005, il termine complessivo di prescrizione, pari a cinque anni, risulta
ampiamente decorso anche tenendo conto dei periodi di sospensione
evidenziati nello stesso ricorso, e non risultando dai verbali di udienza in
atti ulteriori periodi di sospensione.
P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata perché il reato è estinto
per prescrizione.
Così deciso il 26.11.2014.

per l’effetto lo condannava alla pena di euro 500 di ammenda.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA