Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 14530 del 15/01/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 14530 Anno 2015
Presidente: AGRO’ ANTONIO
Relatore: DI STEFANO PIERLUIGI

SENTENZA
sul ricorso proposto da:

BONFIGLIO CARMELO n. 25/7/1958
avverso l’ordinanza 1174/2014 del 11/8/2014 del TRIBUNALE DEL RIESAME DI
CATANIA
visti gli atti, l’ordinanza ed il ricorso
udita la relazione fatta dal Consigliere Dott. PIERLUIGI DI STEFANO
Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. MASSIMO GALLI che ha
concluso chiedendo il rigetto del ricorso
MOTIVI DELLA DECISIONE
La Corte,
letta l’ordinanza del Tribunale del Riesame di Catania indicata in epigrafe che,
in sede di appello cautelare, confermava l’ordinanza della Corte di Appello di
Catania che rigettava la richiesta di Bonfiglio Carmelo di sostituire la custodia in
carcere con gli arresti domiciliari in considerazione dei due pregressi episodi di
evasione dagli arresti domiciliari e del precedente per il reato di associazione
mafiosa.
Rilevato che Bonfiglio ricorre contro tale ordinanza con atto a firma del proprio
difensore deducendo che le esigenze cautelari sono “scemate se non inesistenti”,
che la pena è “interamente scontata” computando la liberazione anticipata e che
misura idonea è quella degli arresti dorniciliari “con braccialetto”.
Ritenuto il ricorso inammissibile in quanto richiede valutazioni in fatto non di
competenza di questo giudice di legittimità e comunque è generico poichè formula

Data Udienza: 15/01/2015

deduzioni non specifiche e che non rispondono agli argomenti del provvedimento
impugnato; ritenuto che la sanzione pecuniaria vada determinata nella misura di
cui in dispositivo tenuto conto delle ragioni della inammissibilità
P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di C 1.000,00 in favore della Cassa delle
Ammende.
Manda alla cancelleria per gli adempimenti di cui all’articolo 94 comma 1 ter

Roma così deciso nella camera di consiglio del 15 gennaio 2015
il Presidente

disp. att. cod. proc. pen.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA