Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 14521 del 15/01/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 14521 Anno 2015
Presidente: AGRO’ ANTONIO
Relatore: DI STEFANO PIERLUIGI

SENTENZA
sul ricorso proposto da:

IOZZI MARCELLO n. 6/4/1981
avverso la sentenza 1642/2010 del 27/3/2014 della CORTE DI APPELLO DI
CATA N ZARO
visti gli atti, la sentenza ed il ricorso
udita la relazione fatta dal Consigliere Dott. PIERLUIGI DI STEFANO
Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. MASSIMO GALLI che ha
concluso chiedendo il rigetto
MOTIVI DELLA DECISIONE
La Corte, letto il ricorso presentato da Iozzi Marcello con atto a firma del
proprio difensore avverso la sentenza della Corte di Appello di Catanzaro che il 27
marzo 2014 confermava la sua condanna per il reato di cui all’art. 337 cod. pen.
per la condotta violenta e pericolosa tenuta alla guida di un motociclo per opporsi
ad un controllo dei carabinieri.
Rilevato che con primo motivo è dedotto il vizio di motivazione osservando la
parte che, sulla scorta della rilettura delle prove utilizzate, il fatto contestato risulta
inesistente, avendo il ricorrente semplicemente omesso di fermarsi all’intimazione
di alt, e che con secondo motivo sono dedotti la violazione di legge ed il vizio di
motivazione in ordine alla pena ed all’applicazione delle attenuanti generiche.
Ritenuto che il ricorso sia inammissibile, proponendo questioni non ammesse
nel giudizio di legittimità in quanto entrambi i motivi invocano un nuovo e diverso
apprezzamento del materiale probatorio per giungere a conclusioni diverse in
ordine alla ricostruzione dei fatti ed al trattamento sanzionatorio.

Data Udienza: 15/01/2015

Ritenuto di dovere applicare la sanzione pecuniaria nella misura determinata
in dispositivo tenuto conto delle ragioni della inammissibilità.
P.Q.M. Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di € 1.000,00 in favore della Cassa delle
Ammende.

Ro a così d ciso il 15 gennaio 2015

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA