Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 14471 del 10/03/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 14471 Anno 2015
Presidente: GENTILE MARIO
Relatore: DI MARZIO FABRIZIO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
LEUZZI LORENZO N. IL 08/07/1962
avverso la sentenza n. 462/2013 CORTE APPELLO di POTENZA, del
23/01/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. FABRIZIO DI MARZIO;

Data Udienza: 10/03/2015

Motivi della decisione
Leuzzi Lorenzo ricorre avverso la sentenza in epigrafe, con la quale è stata confermata
la sentenza di condanna in primo grado per il delitto di rapina aggravata, ricettazione e altro e
deduce violazione di legge, omessa e illogica motivazione sul trattamento sanzionatorio, in
particolare circa il mancato riconoscimento delle attenuanti di cui all’art. 62 bis c.p.
Il giudice d’appello, con motivazione congrua ed esaustiva, anche previo specifico
esame degli argomenti difensivi attualmente riproposti, è giunto a una valutazione di merito

di valutazione delle prove sia conforme ai principi giurisprudenziali e l’argomentare scevro da
vizi logici (Cass. pen. sez. un., 24 novembre 1999, Spina, 214794), rilevando in particolare la
sussistenza di precedenti penali, la prognosi negativa sulla personalità dell’imputato; la
proporzione della pena inflitta alla gravità del fatto commesso; affermando la irrilevanza
dell’ammissione di responsabilità (peraltro ritrattata) attesa l’evidenza dei fatti; e la mancata
emersione di positivi elementi di valutazione per la concessione delle attenuanti generiche.
Del resto questa Corte ha chiarito che in sede di legittimità non è censurabile una
sentenza per il suo silenzio su una specifica deduzione prospettata col gravame quando la
stessa è disattesa dalla motivazione della sentenza complessivamente considerata. Pertanto,
per la validità della decisione non è necessario che il giudice di merito sviluppi nella
motivazione la specifica ed esplicita confutazione della tesi difensiva disattesa, essendo
sufficiente per escludere la ricorrenza del vizio che la sentenza evidenzi una ricostruzione dei
fatti che conduca alla reiezione della deduzione difensiva implicitamente e senza lasciare spazio
ad una valida alternativa. Sicché, ove il provvedimento indichi con adeguatezza e logicità quali
circostanze ed emergenze processuali si sono rese determinanti per la formazione del
convincimento del giudice, sì da consentire l’individuazione dell’iter logico-giuridico seguito per
addivenire alla statuizione adottata, non vi è luogo per la prospettabilità del denunciato vizio di
preterizione. (Cass. Sez. 2 sent. n. 29434 del 19.5.2004 dep. 6.7.2004 rv 229220).
Per questi rilievi, deve concludersi che la determinazione in concreto della pena
costituisce il risultato di una valutazione complessiva e non di un giudizio analitico sui vari
elementi offerti dalla legge, sicché l’obbligo della motivazione da parte del giudice
dell’impugnazione deve ritenersi compiutamente osservato, anche in relazione alle obiezioni
mosse con i motivi d’appello, quando egli, accertata l’irrogazione della pena tra il minimo e il
massimo edittale, affermi di ritenerla adeguata o non eccessiva. Ciò dimostra, infatti, che egli
ha considerato sia pure intuitivamente e globalmente, tutti gli aspetti indicati nell’art. 133 cod.
pen. ed anche quelli specificamente segnalati con i motivi d’appello. (Cass. Sez. 6, sent. n.
10273 del 20.5.1989 dep. 12.7.1989 rv 181825. Conf. mass. N. 155508; n. 148766; n.
117242)
Ne consegue, per il disposto dell’art. 616 c.p.p., la condanna del ricorrente al
pagamento delle spese processuali nonché al versamento, in favore della Cassa delle

come tale insindacabile nel giudizio di legittimità, quando – come nel caso di specie – il metodo

ammende, di una somma che, considerati i profili di colpa emergenti dal ricorso, si determina
equitativamente in euro 1000.
PQM
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e della somma di Euro 1000 in favore della Cassa delle ammende.

Roma, 10.3.2015

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA