Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 14243 del 23/03/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 5 Num. 14243 Anno 2015
Presidente: BEVERE ANTONIO
Relatore: PISTORELLI LUCA

SENTENZA

sul ricorso proposto dal difensore di:
Rondini Luca, nato a Novara, il 25/2/1983;

avverso la sentenza del 3/7/2014 del Giudice di Pace di Novara;
visti gli atti, il provvedimento impugnato ed il ricorso;
udita la relazione svolta dal Consigliere Dott. Luca Pistorelli;
udito il Pubblico Ministero in persona del Sostituto Procuratore generale Dott. Giuseppe
Corasaniti, che ha concluso per l’inammissibilità del ricorso.
RITENUTO IN FATTO
1.Con la sentenza impugnata il Giudice di Pace ha condannato Rondini Luca anche al
risarcimento del danno in favore della parte civile per il reato di minaccia commesso ai
danni di Caponetto Vincenzo e lo ha invece assolto dal concorrente reato di ingiurie
ritenendo che il fatto non costituisca reato a seguito del riconoscimento dell’esimente
della provocazione.

Data Udienza: 23/03/2015

2. Avverso la sentenza ricorre l’imputato a mezzo del proprio difensore deducendo vizi
della motivazione in merito all’effettiva prospettazione di un male ingiusto alla persona
offesa da parte del Rondini.

CONSIDERATO IN DIRITTO
1.11 ricorso deve essere riqualificato come appello.

giudice di pace, che lo abbia condannato ad una pena pecuniaria ed al risarcimento del
danno in favore della parte civile, qualora con essa non venga contestato
esclusivamente la specie o l’entità della pena, deve essere qualificata come appello
sebbene non risulti espressamente impugnato il capo relativo alla condanna al
risarcimento del danno, in quanto nel procedimento davanti al giudice di pace trova
applicazione l’art. 574, comma quarto, c.p.p., nella parte in cui prevede che
l’impugnazione dell’imputato contro la pronuncia di condanna penale estende i suoi
effetti alle statuizioni civili dipendenti dalla condanna (ex multis Sez. 2, n. 23555 del 12
maggio 2009, Ognibene, Rv. 244235).
3. Conseguentemente gli atti devono essere trasmessi al Tribunale di Novara per la
celebrazione del giudizio d’appello.

P.Q.M.
Qualificata l’impugnazione come appello dispone la trasmissione degli atti alla Corte
d’appello di Torino.
Così deciso il 23/3/2015

2. Va infatti ribadito che l’impugnazione proposta dall’imputato contro la sentenza del

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA