Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 13850 del 12/11/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 4 Num. 13850 Anno 2015
Presidente: ROMIS VINCENZO
Relatore: ESPOSITO LUCIA

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
GIARDINI MARCO N. IL 26/04/1979
avverso la sentenza n. 4198/2013 CORTE APPELLO di MILANO, del
09/01/2014
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 12/11/2014 la relazione fatta dal
Consigliere Dott. LUCIA ESPOSITO
Udito il Procuratore Generale in persona del Dott.
.(tfusì,u_ i
o
omm,e(Aiouseuu_no
che ha concluso per

()Luc Ricuo

Udito, per la parte ci e, l’Avv
Uditi difensor

Data Udienza: 12/11/2014

Ritenuto in fatto

1.Con sentenza del 9/1/2014 la Corte d’Appello di Milano confermava la sentenza
di primo grado che aveva ritenuto Giardini Marco responsabile del reato di cui
all’art. 186 c. 1 e 2 lett. c) e 2 sexies C.d.S., per aver circolato durante le ore
notturne sulla pubblica via alla guida di un’autovettura in stato di ebbrezza, in
conseguenza dell’uso di bevande alcoliche (fatto del 26/9/2010).

applicazione dell’art. 186 c. 9 c.d.s.). Rileva che il Tribunale lo aveva condannato
senza concedergli di sostituire la pena con i lavori di pubblica utilità, ancorché
fosse stata depositata dichiarazione controfirmata con la quale l’imputato
chiedeva espressamente che, nel caso di condanna, la pena irrogata fosse
sostituita, ex art. 186 c. 9 bis c.d.s., con il lavoro si pubblica utilità e con l’atto di
appello avesse reiterato la richiesta per il caso di conferma della condanna.
Osserva che la Corte d’Appello aveva rigettato la richiesta, affermando la
necessità che l’imputato rinunciasse alla sospensione condizionale della pena, e
ciò in ragione del divieto di reformatio in peius. Rileva che la disposizione che ha
previsto la sostituzione della pena con i lavori di pubblica utilità contiene effetti
più favorevoli sia in termini di durata della pena sostitutiva, sia in termini di
criteri di ragguaglio, sia in termini di conseguenze finali. Osserva che
l’incompatibilità tra i due istituti induce a ritenere che, nella ipotesi in cui una
simile rinuncia non venga effettuata in modo espresso, deve intendersi
tacitamente avvenuta.

Considerato in diritto

1.11 ricorso è fondato e va accolto. Ed invero questa Corte, occupandosi della
questione concernente la possibilità per l’imputato, in caso di richiesta di
sanzione sostitutiva del lavoro di pubblica utilità formulata dopo aver ottenuto il
beneficio della sospensione condizionale della pena, del mantenimento del
beneficio previamente concesso, ha affermato l’ incompatibilità tra i due istituti,
traendone come corollario che la richiesta della pena sostitutiva del lavoro di
pubblica utilità, implica la tacita rinuncia al beneficio della sospensione
condizionale della pena eventualmente concesso in precedenza (Cass. Sez. 4,
Sentenza n. 1755 del 19/11/2013, Rv. 258183; Sez. 3, Sentenza n. 20726 del
07/11/2012 Rv. 254996).

2. In conformità all’esposto principio il ricorso deve trovare accoglimento, con
annullamento della sentenza in parte qua e rinvio alla Corte d’Appello di Milano
2

2. Con ricorso per cassazione l’imputato deduce: 1) violazione di legge (erronea

affinché valuti la sussistenza dei presupposti per l’accoglimento dell’istanza di
applicazione della sanzione sostitutiva dei lavori di pubblica utilità. Trattandosi di
accoglimento di impugnazione parziale, la statuizione determina gli effetti di cui
all’art. 624 CPP con riferimento all’affermazione della responsabilità
dell’imputato.

Annulla la sentenz
ot4p
impugnata limitatamente alla questione concernente la
014
d altra sezione
sanzione sostitutiva i pubblica utilità e rinvia per nuovo esam4

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA