Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 13814 del 16/12/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 13814 Anno 2015
Presidente: IPPOLITO FRANCESCO
Relatore: DI STEFANO PIERLUIGI

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
FRANCARDO ROBERTO n. 29/8/1971
avverso l’ordinanza 784/2014 del TRIBUNALE DEL RIESAME DI CATANIA del
18/4/2014
visti gli atti, l’ordinanza ed il ricorso
udita la relazione fatta dal Consigliere Dott. PIERLUIGI DI STEFANO
Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. LUIGI RIELLO che ha concluso
chiedendo dichiararsi l’inammissibilità del ricorso
MOTIVI DELLA DECISIONE
Il Tribunale del Riesame di Catania con ordinanza del 22 aprile 2014
confermava la ordinanza del gip del medesimo Tribunale di applicazione della
misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di Francardo Roberto,
ritenuto uno dei responsabili del trasporto di circa 2 t di marijuanai divisa in 125
sacchi occultati a bordo di un motopeschereccio. Le indagini svolte mediante
intercettazioni e operazioni sul territorio avevano dimostrato che un gruppo di
soggetti, tra i quali il ricorrente, avevano organizzato tale trasporto di droga,
fornita da trafficante stranieri che la avrebbero consegnata in mare aperto.
Francardo era uno dei soggetti che aveva partecipato alla organizzazione del
trasporto ed aveva effettivamente partecipato al viaggio venendo poi arrestato
poco dopo lo sbarco.
Francardo ha proposto ricorso tramite il proprio difensore.
Con il primo motivo deduce la violazione di legge ed il vizio di motivazione
in quanto i verbali delle intercettazioni disposte in diverso procedimento sono stati
depositati con parti coperte da omissis.

Data Udienza: 16/12/2014

Con il secondo motivo deduce la violazione di legge ed il vizio di
motivazione. Rileva che non vi è prova che il ricorrente, mero membro
all’equipaggio, sapesse del trasporto di droga.
Con il terzo motivo deduce la violazione di legge ed il vizio di motivazione
quanto alle esigenze cautelD1/ che non possono ritenersi sussistenti in quanto
non vi è elemento concreto

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA