Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 13797 del 17/12/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 13797 Anno 2015
Presidente: DI VIRGINIO ADOLFO
Relatore: DI STEFANO PIERLUIGI

SENTENZA
sul ricorso proposto da:

SENTENZA
N. 19112014
REGISTRO GENERALE
N. 2721W2014

ZOUHIR OUADIE N. IL 22/04/1977

igo.2.0

avverso la sentenza n. 307/2014 CORTE APPELLO di BRESCIA, del
11/03/2014
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 17/12/2014 la relazione fatta dal
Consigliere PIERLUIGI DI STEFANO
sentite le conclusioni del Sostituto Procuratore Generale nella persona del dr.
EUGENIO SELVAGGI che ha chiesto dichiararsi inammissibile il ricorso
MOTIVI DELLA DECISIONE
Zohuhir Ouadie propone ricorso avverso la sentenza della Corte di Appello di
Brescia dell’ 11 marzo 2014 che confermava la sentenza del giudice per l’udienza
preliminare di Brescia che lo condannava per il reato di cui all’articolo 73 d.p.r.
309/90 per la detenzione di grammi 765 di hashish, grammi 107 di cocaina,
grammi 533 di marijuana, riconoscendogli la attenuante della collaborazione di cui
al comma 7 0 all’articolo 73 I. cit.. Deduce, quale unico motivo, la violazione della
legge penale per la mancata riduzione della pena in considerazione della modifica
della normativa applicabile per la canapa indiana.
Il ricorso è inammissibile.
La Corte di Appello ha giudicato nella vigenza della nuova normativa ed il
mantenimento della stessa pena irrogata in primo grado rappresenta, in concreto,
un trattamento migliore rispetto alla applicazione della attuale disciplina,
determinata dalla sentenza della Corte Costituzionale 32/2014, che prevede
distinti reati in base alla tipologia di droga. Difatti secondo la disciplina vigente il

Data Udienza: 17/12/2014

fatto contestato integra due diversi reati e, in applicazione della disciplina del
concorso formale, sarebbe stata applicata una sanzione in concreto più elevata
rispetto a quella determinata secondo la normativa previgente. La Corte di Appello
ha, quindi, fatto corretta applicazione della disciplina della successione di leggi
penali.
Valutate le ragioni dell’inammissibilità, la sanzione pecuniaria va determinata
nella misura di cui in dispositivo.
PQM

spese del procedimento e della somma di euro 1000 in favore della Cassa delle
Ammende.
Roma così decisjD nella camera di consiglio del 17 dicembre 2014

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA