Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 1124 del 15/11/2012


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 5 Num. 1124 Anno 2013
Presidente: GRASSI ALDO
Relatore: SABEONE GERARDO

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
1) AUCELLO TOMMASO N. IL 07/05/1965
2) AUCELLO ANGELA N. IL 26/01/1990
avverso la sentenza n. 13/2011 TRIBUNALE di MODENA, del
19/09/2011
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 15/11/2012 la relazione fatta dal
Consigliere Dott. GERARDO SABEONE
Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. 1dd(40,4. Si4C24
che ha concluso per 1 1 MmaLtmu.74 utte il.Zuwìo di& atta:
t4tA4410 4 /L’Ah ir;t4 /tJA i4d04/4.44.444

Udito, per la parte civile, l’Avv
Udith4difensortAvv. W444,4 itaki4

4

Data Udienza: 15/11/2012

11-

RITENUTO IN FATTO
1. Il Tribunale di Modena, con sentenza del 19 settembre 2011, ha
rigettato l’appello proposto da Aucello Tommaso e Aucello Angela avverso la
sentenza 12 aprile 2010 emessa dal Giudice di pace di Modena che li aveva
condannati per i delitti di ingiurie, minacce e lesioni in danno di Bonfatti Rossella.
2. Avverso tale sentenza hanno proposto ricorso per cassazione gli
imputati, personalmente, lamentando una motivazione illogica e la mancata
assunzione di una prova decisiva.
3. Con dichiarazione di proprio pugno i ricorrenti hanno, però, conferito
procura speciale al loro difensore di fiducia per rinunciare al ricorso a cagione
dell’intervenuta remissione della querela.
4. Alla presente udienza risulta, infatti, depositata copia della intervenuta
remissione della querela ritualmente accettata in data 2 dicembre 2011.

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. L’intervenuta remissione della proposta querela, con la conseguenziale
accettazione della stessa rendono annullabile senza rinvio l’impugnata decisione,
ai sensi dell’articolo 620, comma 1 lettera a) cod.proc.pen..
2. Tali atti, invero, risultano compiuti nel rispetto delle norme di cui agli
articoli 152 e 155 cod.pen. e 340 cod.proc.pen. e determinano, essendo i reati
rispettivamente ascritti punibili a querela della persona offesa (ingiurie, minacce
non aggravate e lesioni personali semplici), l’estinzione dei reati stessi.
3. Le spese del procedimento, infine, ai sensi dell’articolo 340, comma 4
cod.proc.pen. sono a carico di ciascuno dei querelati, come disposto dalla legge e
confermato dalle parti interessate.

P.T.M.

La Corte, annulla senza rinvio la sentenza impugnata essendo i reati
estinti per intervenuta remissione di querela.

1

■ Orr. ,

Pone le spese del procedimento a carico dei querelati Aucello Tommaso ed
Aucello Angela

Così deciso in Roma, il 15/11/2012.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA