Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 1078 del 10/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 1078 Anno 2016
Presidente: CARCANO DOMENICO
Relatore: DI STEFANO PIERLUIGI

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
PROCURATORE GENERALE PRESSO CORTE D’APPELLO DI BRESCIA
nei confronti di:
BICA SANDRO N. IL 27/07/1982
avverso la sentenza n. 1784/2015 TRIBUNALE di BRESCIA, del 01/04/2015
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. PIERLUIGI DI
STEFANO;
lette/septfe le conclusioni del PG Dott. ALBERTO CARDINO che ha chiesto
raccoglimento del ricorso
MOTIVI DELLA DECISIONE
Letto il ricorso del Procuratore generale presso la Corte di Appello di Brescia
avverso la sentenza del Tribunale di Brescia del 10 aprile 2015 di applicazione nei
confronti di Bica Sandro della pena ex articolo 444 cod. proc. pen per il reato
continuato di violazione dell’articolo 73 d.p.r. 309/1990 ricorrendo le condizioni di
recidiva reiterata specifica infraquinquennale, effettivamente applicata nella
determinazione della pena;
rilevato che l’ufficio impugnante deduce che, pur, essendo stata applicata la
recidiva ai sensi dell’art. 99 4 0 comma cod. pen. , non è stato determinato
l’aumento della pena per continuazione nella misura minima di cui all’articolo 81
40 comma cod. pen. (aumento non inferiore ad un terzo della pena stabilita per il
reato più grave);
letta la requisitoria scritta del Procuratore generale presso questa Corte che
ha chiesto l’annullamento della sentenza;

Data Udienza: 10/11/2015

ritenuto il ricorso fondato in quanto effettivamente la recidiva della data
specie è stata riconosciuta e concretamente applicata per cui l’aumento di pena
non poteva essere inferiore ad un terzo della pena per il reato più grave;
ritenuto che in tal modo risulti travolto l’intero accordo con il necessario
annullamento senza rinvio e trasmissione degli atti per il proseguimento del
giudizio.
P.Q.M.
Annulla senza rinvio il provvedimento impugnato e trasmette gli atti al

Roma/Così deciso nella camera di consiglio del 10 novembre 2015
Il COVI

I

liere estensore

Tribunale ci” Brescia per l’ulteriore corso.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA