Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 1052 del 14/11/2012


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 1052 Anno 2013
Presidente: GARRIBBA TITO
Relatore: CARCANO DOMENICO

Data Udienza: 14/11/2012

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
1) ARGENIO GIUSEPPE N. IL 28/06/1938 * C/
2) ROSSI ANTONIO N. IL 07/08/1952
avverso il decreto n. 4850/2011 GIP TRIBUNALE di AVEttANO, del
09/02/2012
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. DOMENICO
CARCANO;
lette/sentile le conclusioni del PG Dott. E j2 A.
)■«,0-1rX-g<''0)...i.A.429-Z-L-Lkgb-A, j_d_ VX_43\aki;:kC49-4-4-Le, `--\AkL4,,c4Uditi difensor Avv.;4La..e‘.42ic)Ritenuto in fatto 1.I1 difensore di Antonio Rossi impugna il decreto 9 febbraio 2012, con il quale il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Avellino, su conforme richiesta del pubblico ministero, ha disposto de plano l'archiviazione degli atti relativi alla denuncia presentata nei confronti di Giuseppe Argenio, nonostante la rituale opposizione, per vicende collegate, da un lato, a danneggiamenti e molestie presso lo studio del ricorrente verificatesi a margine deltestimonianza resa in tale procedimento da parte di Argenio. 2. Il giudice per le indagini preliminari ha condiviso la richiesta di archiviazione del pubblico ministero, rilevando che la denuncia fosse in realtà un tentativo per trasferire in un eventuale procedimento a carico di Argenio fatti che avrebbero dovuto trovare la sede naturale di accertamento nel processo a carico di Rossi. Per tali ragioni, è stata accolta la richiesta di archiviazione e dichiarata inammissibile l'opposizione, poiché, ad avviso del giudice preliminare, la sollecitazione dell'esame dell'indagato non avrebbe potuto integrare la prescritta indicazione di investigazione suppletive ex art. 410 c.p.p.. peraltro, la indicazione di espletare ogni utile attività di indagine all'esito dell'interrogatorio dell'indagato, si risolveva in una generica sollecitazione. 3. La difesa, sintetizzata la vicenda processuali e la genesi dei fatti, deduce: -violazione dell'ad. 409, commi e 6, c.p.p. per lesione del principio del contraddittorio e vizio di motivazione, richiamando la giurisprudenza di legittimità in tema di violazione del contraddittorio sulle indagini richieste e, in particolare, sulla riconducibilità dell'interrogatorio dell'indagato nel'ambito del "catalogo delle investigazioni suppletive". Per la difesa, è stato violato il contraddittorio con la definizione del procedimento con un provvedimento de plano, nonostante fossero state richieste ulteriori indagini.Considerato in diritto 1. Il ricorso è inammissibile. Come noto, il provvedimento di archiviazione può essere adottato de plano, in presenza di opposizione della persona offesa alla richiesta, là dove ricorrano due condizioni, delle quali si deve dare atto con adeguata motivazione, e cioè l'inammissibilità dell'opposizione, per l'omessa indicazione dell'oggetto dell'investigazione suppletiva, e l'infondatezza della notizia di reato. Nel senso che il giudice per le indagini preliminari può deliberare deplanosull'inammissibilità dell'opposizione della persona offesa alla richiesta di archiviazione del pubblico ministero non solo nel caso in cui non siano state indicate investigazioni suppletive, ma anche quando queste vengano ritenute "irrilevanti" e "non significative" per il difetto di incidenza concreta sul tema della decisione, in quanto appaiano finalizzatepprofon ad a d ir li‘ egprocedimento a suo carico per tentato omicidio di Argenio e, dall'altro, a una falsa2 stessi temi di indagine già esaminati e giudicati inidonei a ritenere configurabile il reato denunciato (Sez. VI, 10 giugno 2010, dep. 18 giugno 2010, n. 23687). Il tema della decisione è formulato dal pubblico ministero ed è su tale tema che deve svilupparsi la richiesta di indagini suppletive. Il decreto descrive in termini specifici l'oggetto della denuncia e condivide l'impostazione del pubblico ministero e, nell'ambito di perimetro investigativo, giunge alla conclusione dell'inammissibilità dell'indagine suppletiva richiesta, con riferimento a entrambi i fatti di reatoappello. 1.1.Quanto al preliminare profilo relativo all'interrogatorio dell'indagato, ad avviso del Collegio, la sollecitazione investigativa è stata correttamente dichiarata inammissibile. L'interrogatorio dell'indagato non è un atto "geneticamente volto alla ricerca di elementi prova, bensì un incombente tipico da effettuare, una volta acquisite circostanze tali da superare la soglia del mero sospetto nei confronti dell'indagato, come atto di difesa e garanzia dello stesso dalle cui dichiarazioni possono eventualmente emergere ulteriori elementi rispetto a quelli già acquisiti. Tale principio discende dalle disposizioni di cui agli artt. 374, 375, comma 3, e 376 c.p.p. per le quali è l'indagato che può presentarsi spontaneamente agli inquirenti, mentre l'« invito a presentarsi» e l' «accompagnamento coattivo» possono essere disposti soltanto nei casi stabiliti dalla legge, come stabilisce l'art.132 c.p.p. Tra tali casi non vi è alcun riferimento a esclusive finalità investigative, essendo previsto che l'invito a presentarsi deve, contenere l'«enunciazione del fatto quale risulta dalle indagini fino a quel momento compiute». Ne discende che, con invito a presentarsi, l'indagato è chiamato rispondere a sua difesa su atti di indagine già compiuti e che consentano di formulare un addebito a suo carico, seppur provvisorio; situazione del tutto contrastante con la richiesta di archiviazione da parte del pubblico ministero. Questa Cotte, pertanto, condivide e fa proprio il principio di diritto secondo cui nell'ipotesi in cui il giudice per le indagini preliminari non accolga la richiesta di archiviazione e richieda nuove indagini, ai sensi dell'art. 409, comma quarto, c. p. p., deve ritenersi abnorme e quindi impugnabile in cassazione il provvedimento con cui si indichi al pubblico ministero lo svolgimento dell'interrogatorio dell'indagato, non essendo tale atto un mezzo di indagine, bensì soltanto una garanzia difensiva (Sez.VI, 19 febbraio 2005, dep. 17 gennaio 2006 n.1783; Sez. III, 27 maggio 2010, dep. 2 giugno 2010, n. 23930). 1.2.Quanto all'ulteriore aspetto, quello di ulteriori indagini da sviluppare all'esito dell'interrogatorio dell'indagato, va rilevato che l'inammissibilità della richieste dell'interrogatorio dell'indagato, rende del tutto evidente che l'impossibilità di svolgere tali ulteriori accertamenti, peraltro, del tutto generici in relazione ai denunciati danneggiamenti. 2.La valutazione di inammissibilità dell'opposizione è stata dunque correttamente argomentata.ipotizzati, danneggiamento e falsa testimonianza nel processo ancora in corso in grado di3 Ne discende che il ricorso é inammissibile e, a norma dell'art.616 c.p.p, il ricorrente va condannato, oltre che al pagamento delle spese del procedimento, anche a versare una somma, che si ritiene equo determinare in euro 1000,00 in favore della cassa delle ammende, non ricorrendo le condizioni richieste dalla sentenza della Corte costituzionale 13 giugno 2000, n.186.Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e a quello della somma di euro 1000 1 00 in favore della Cassa delle ammende. Così deciso in Roma, il 14 novembre 2012 estensoreIl PresidenteP.Q.M.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA