Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9937 del 26/04/2010

Cassazione civile sez. I, 26/04/2010, (ud. 27/01/2010, dep. 26/04/2010), n.9937

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. CECCHERINI Aldo – rel. Consigliere –

Dott. NAPPI Aniello – Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 21185-2005 proposto da:

M.R., B.E., elettivamente domiciliati in ROMA,

VIA G. G. BELLI 36, presso l’avvocato MANFREDINI ORNELLA, che li

rappresenta e difende unitamente all’avvocato ORLANDO ZON GUSTAVO,

giusta procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

BANCO POPOLARE DI VERONA E NOVARA SOC. COOP. A RESP. LIM., successore

a titolo universale della Banca Popolare di Verona – Banco San

Geminiano e San Prospero Soc. Coop di Credito a Resp. Lim. e della

Banca Popolare di Novara Soc. Coop. a Resp. Lim. per atto di fusione

(c.f./P.I. (OMISSIS)), in persona del Procuratore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA BISSOLATI 76, presso

l’avvocato GARGANI BENEDETTO, che lo rappresenta e difende unitamente

all’avvocato ALLORO MAURIZIO, giusta procura in calce al

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 251/2005 della CORTE D’APPELLO di VENEZIA,

depositata il 08/02/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

27/01/2010 dal Consigliere Dott. ALDO CECCHERINI;

udito per i ricorrenti, l’Avvocato ORNELLA MANFREDINI che chiede la

cessazione della materia del contendere, perchè le parti hanno

raggiunto una transazione;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

APICE Umberto che ha concluso per un rinvio per perfezionare la

transazione e nel merito per il rigetto del ricorso.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Premesso – che all’udienza il procuratore dei ricorrenti ha prodotto copia di lettere scambiate tra le parti, nelle quali si conviene il componimento bonario della controversia, con reciproca rinuncia ad ogni pretesa e abbandono a spese compensate, e ha dichiarato che le parti si sono accordate in tal senso;

– che deve conseguentemente ritenersi cessata la materia del contendere tra le parti, con il conseguente venir meno dell’interesse della parte ricorrente alla decisione;

– che l’accordo intervenuto tra le parti giustifica la compensazione delle spese del giudizio di legittimità tra le stesse.

P.Q.M.

Dichiara il ricorso inammissibile per sopravvenuta carenza di interesse, e compensa le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della prima sezione della Corte suprema di cassazione, il 27 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 26 aprile 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA