Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9911 del 26/04/2010

Cassazione civile sez. III, 26/04/2010, (ud. 08/03/2010, dep. 26/04/2010), n.9911

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VARRONE Michele – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – rel. Consigliere –

Dott. TALEVI Alberto – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

Dott. AMBROSIO Annamaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.N. (OMISSIS), P.A.

(OMISSIS), P.S. (OMISSIS), P.

P., P.G. (OMISSIS), P.

A. (OMISSIS), elettivamente domiciliati in ROMA,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi dall’avvocato

ALESCI VINCENZO giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

UNIFOL ASSICURAZIONI SPA in persona del suo procuratore ad negotia

Dott.ssa G.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

FABIO MASSIMO 60, presso lo studio dell’avvocato CAROLI ENRICO, che

la rappresenta e difende unitamente all’avvocato RAIO ALBERTO giusta

delega a margine del controricorso;

– controricorrenti –

e contro

J.S., V.G.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 333/2005 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI, 4^

SEZIONE CIVILE, emessa 14/1/2005, depositata il 07/02/2005, R.G.N.

5125/2002;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

08/03/2010 dal Consigliere Dott. GIOVANNI BATTISTA PETTI;

udito l’Avvocato ANTONIO LUIGI GROSSI per delega dell’Avvocato ENRICO

CAROLI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PRATIS Pierfelice, che ha concluso per inammissibilità.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. La Corte di appello di Napoli, con sentenza del 7 febbraio 2005, ha respinto l’appello proposto dai germani P.N., A., S., P., G. e A.M., avverso la sentenza del Tribunale di Napoli del 16 ottobre 2001, che aveva liquidato i danni relativi alla morte del congiunto P. F., condannando gli appellanti alla rifusione delle spese del grado in favore della assicuratrice Unipol. Nella fase di appello erano rimaste contumace Y.S., proprietario del mezzo che investiva il P. e V.G., che ne era alla guida.

2. Contro la decisione hanno proposto ricorso gli eredi P., notificando il ricorso alla Unipol ma non alle controparti, come risulta dal riscontro degli atti allegati al ricorso.

La Corte rilevato che non sussiste la prova della notifica al V. ed allo Y., con ordinanza del 21 settembre 2009 ha rinviato la causa a nuovo ruolo dando termine di giorni sessanta dalla comunicazione della ordinanza per le suddette notifiche. La Cancelleria della Corte, fatte le comunicazioni, ha certificato che in data 21 gennaio 2010 nessun atto di integrazione risulta notificato e depositato. All’Udienza del 8 marzo 2010 era presente il difensore della Unipol che non aveva interesse ad ottemperare alla notifica. Il Procuratore generale ha concluso per la dichiarazione di inammissibilità.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il principio del contraddittorio, stabilito dall’art. 101 c.p.c., correlato con gli artt. 3 e 24 Cost., esige che il contraddittorio si realizzi durante tutto lo svolgimento del processo ed anche nella fase del giudizio di cassazione (Cass. 20 novembre 2005 n. 26040 e 28 novembre 2003 n. 18245). Nel caso di specie risultando inadempiuto l’ordine di integrazione nei confronti di litisconsorti necessari (il conducente ed il proprietario assicurato) e solidali, il ricorso deve essere dichiarato improcedibile con la condanna dei ricorrenti in solido alla rifusione delle spese di questo giudizio di cassazione, in favore della Unipol, liquidate come in dispositivo.

PQM

Dichiara improcedibile il ricorso e condanna i Prefetto in solido a rifondere le spese di questo giudizio di Cassazione alla Unipol, che liquida in Euro 2200,00 di cui Euro 200,00 per spese, oltre accessori e spese generali come per legge.

Così deciso in Roma, il 8 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 26 aprile 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA