Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9892 del 19/04/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 19/04/2017, (ud. 19/01/2017, dep.19/04/2017),  n. 9892

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – rel. Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 1836-2016 proposto da:

CENTRO EDILE IZZO SRL (C.F. (OMISSIS)), in persona del legale

rappresentante, elettivamente domiciliata in Roma, Piazza Cavour,

presso la Corte Suprema di Cassazione, rappresentata e difesa

dall’avvocato GIUSEPPE MARIA FRUNZI, giusta procura in calce al

ricorso;

– ricorrente-

contro

ATI ICA PUBBLIALIFANA SRL, (C.F. (OMISSIS)), in persona del legale

rappresentante pro tempore e PUBBLIALIFANA SRL, mandante del

raggruppamento ATI, quale concessionaria della TARSU del Comune di

Calvi Risorta, elettivamente domiciliate in Roma, Piazza Cavour,

presso la Corte Suprema di Cassazione, rappresentate e difese dagli

avvocati MARIANO CIVITILLO e GIANFRANCO DE PASCALE, giusta procura

in calce al ricorso;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 6478/47/2015, emessa il 12/06/2015, della

COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE di NAPOLI, depositata il

01/07/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 19/01/2017 dal Consigliere Relatore Dott. NAPOLITANO

LUCIO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

La Corte, costituito il contraddittorio camerale ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., come integralmente sostituito dal D.L. n. 168 del 2016, art. 1 – bis, comma 1, lett. e), convertito, con modificazioni, dalla 1. n. 197/2016; dato atto che il collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente in data 14 settembre 2016, la redazione della presente motivazione in forma semplificata, osserva quanto segue:

Con sentenza n. 6478/47/2015, depositata il primo luglio 2015, notificata il 6 novembre 2015, la CTR della Campania rigettò l’appello proposto dalla società Centro Edile Izzo S.r.l. (di seguito società), nei confronti dell’ATI ICA Publialifana S.r.l. nella qualità di concessionaria del Comune di Calvi Risorta, per la riforma della sentenza di primo grado della CIP di Caserta, che aveva a sua volta rigettato il ricorso della società avverso avviso di accertamento per TARSU relativa all’anno 2008 con riferimento ad area scoperta classificata come commerciale.

Avverso la pronuncia della CTR la contribuente ha proposto ricorso per cassazione, affidato a due motivi, cui resiste con controricorso l’ATI ICA Publialifana S.r.l. in uno a Publialifana S.r.l. quale mandante del raggruppamento ATI.

A seguito della fissazione dell’adunanza in camera di consiglio, sulla proposta del relatore come depositata in atti, entrambe le parti hanno depositato memoria, in particolare eccependo parte controricorrente l’improcedibilità del ricorso.

Preliminarmente all’esame dei motivi di ricorso deve essere esaminata dal collegio la questione dell’improcedibilità del ricorso.

Sebbene dedotta da parte controricorrente solo con la memoria depositata in atti, trattandosi di questione rilevabile d’ufficio, essa deve essere esaminata dal collegio preliminarmente all’esame dei motivi di ricorso.

In particolare appare utile premettere che la recente modifica normativa, ai sensi delle disposizioni di legge sopra richiamate, dell’art. 380 bis c.p.c., per effetto della quale l’adunanza in camera di consiglio ha assunto la forma della non partecipazione alla stessa dei difensori delle parti (oltre che del P.N.I.), restando quindi affidato il contraddittorio, a seguito della fissazione del decreto presidenziale con notifica della proposta del relatore, essenzialmente al deposito di memorie ex art. 378 c.p.c., non ha ricadute di sorta sulla giurisprudenza pregressa di questa Corte, formatasi nel senso di limitare l’applicazione dell’art. 384 c.p.c., comma 3, che impone al giudice di legittimità di provocare il contraddittorio sulla questione rilevata d’ufficio, esclusivamente all’ipotesi in cui la Corte ritenga di dover decidere nel merito (cfr., tra le altre, Cass. Sez. 6-5, ord. 1 aprile 2015, n. 6669; Cass. sez. 6-3, ord. 20 luglio 2011, n. 15964; Cass. sez. unite 26 marzo 2013, n. 7527; Cass. sez. 5, 23 luglio 2007, n. 16275; Cass. sez. unite 21 giugno 2007, n. 14385) e che va dunque ulteriormente ribadita dal collegio.

Nella fattispecie in esame il ricorso, infatti, risulta essere stato oggetto di notifica a mezzo PEC, nelle forme di cui alla L. n. 53 del 1994, art. 3 bis, e successive modifiche, in data 30 dicembre 2015, e si è perfezionata quindi in tale stessa data in conseguenza dell’attestazione di consegna nella casella di destinazione.

Il fatto poi che il ricorso stesso sia stato oggetto di notifica anche a mezzo di raccomandate con avviso di ricevimento spedite dal difensore della ricorrente munito di debita autorizzazione da parte del competente Consiglio dell’Ordine degli Avvocati ai sensi della citata L. n. 53 del 1994, con spedizione ugualmente in data 30 dicembre 2015, essendo stata la prima consegnata al difensore dell’ATI ICA Publialifana S.r.l. al domicilio eletto il 4 gennaio 2016, è irrilevante, stante il perfezionamento della notifica a mezzo PEC in data 30 dicembre 2015.

Da tale data va dunque calcolato il termine di cui all’art. 369 c.p.c., comma 1, per il deposito del ricorso, la cui inosservanza, come è noto, comporta l’improcedibilità, rilevabile d’ufficio, del ricorso medesimo.

Il ricorso è stato depositato in data 26 gennaio 2016, oltre quindi, il termine di venti giorni dalla notifica, che, secondo quanto sopra osservato, veniva a scadere il 19 gennaio 2016.

Il ricorso deve pertanto essere dichiarato improcedibile.

Le spese del giudizio di legittimità seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo, con distrazione in favore dell’avv. Gianfranco De Pascale, che ha dichiarato di avere anticipato le spese e non riscosso il compenso professionale riguardo al presente giudizio di legittimità.

PQM

Dichiara improcedibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 2500,00 per compensi, oltre al rimborso delle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 ed agli accessori di legge, se dovuti, con distrazione in favore dell’avv. Gianfranco De Pascale, difensore delle controricorrenti, anticipatario. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 – bis.

Motivazione Semplificata.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 19 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 19 aprile 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA