Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9875 del 24/04/2010

Cassazione civile sez. II, 24/04/2010, (ud. 15/01/2010, dep. 24/04/2010), n.9875

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

P.G., rappresentato e difeso, in forza di delega a

margine del ricorso di primo grado, dall’Avv. NICOLIN Daniele,

elettivamente domiciliato nello studio dell’Avv. Francesco Saulle in

Roma, via delle Medaglie d’Oro, n. 157;

– ricorrente –

contro

PROVINCIA DI PISTOIA, in persona del Presidente pro tempore,

rappresentato e difeso, in forza di procura speciale a margine del

controricorso, dall’Avv. CECCHI Alessandro, elettivamente domiciliata

in Roma, Via Panama, n. 58, presso lo studio dell’Avv. Claudia

Molino;

– controricorrente –

avverso la sentenza del Tribunale di Pistoia in data 10 dicembre

2005.

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

15 gennaio 2010 dal Consigliere relatore Dott. Alberto Giusti;

lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero, in persona del

Sostituto Procuratore Generale Dott. UCCELLA Fulvio, che ha concluso

per il rigetto del ricorso per manifesta infondatezza, conclusioni

alle quali si è riportato, in Camera di consiglio, il Sostituto

Procuratore Generale Dott. Pierfelice Pratis.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che il Tribunale di Pistoia, con sentenza resa pubblica mediante deposito in cancelleria il 10 dicembre 2005, ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto dalla s.r.l. Immobiliare Costetti, in persona del legale rappresentante P.G., ed ha respinto il ricorso proposto da G.A. avverso le ordinanze-ingiunzione emesse a loro carico dalla Provincia di Pistoia per violazione della normativa in materia di rifiuti;

che per la cassazione di detta sentenza il P. ha proposto ricorso, con atto notificato il 23 gennaio 2007, sulla base di cinque motivi;

che la Provincia di Pistoia ha resistito con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che il ricorso presenta due concorrenti ragioni di inammissibilità;

che, infatti, il ricorso proviene da soggetto privo di legittimazione attiva, essendo stato proposto da P.G. in proprio, laddove l’opposizione all’ordinanza-ingiunzione è stata promossa nel giudizio a quo dal predetto P., ma nella qualità di legale rappresentante della società Immobiliare Costetti;

che, inoltre, il ricorso per cassazione è stato proposto dall’Avv. Daniele Nicolin “come da delega a margine del ricorso di primo grado”, con cui gli era stata conferita procura ad agire “nel presente procedimento, in ogni sua fase e grado”;

che ai fini dell’ammissibilità del ricorso per cassazione la procura speciale non può essere rilasciata in calce o a margine di atti diversi dal ricorso, stante il disposto tassativo dell’art. 83 cod. proc. civ., comma 3, che implica la necessaria esclusione dell’utilizzabilità di atti diversi da quelli indicati, con la conseguente invalidità della procura medesima ove non sia apposta in uno degli atti richiamati nella suddetta norma (ex multis, Cass., Sez. 3^, 18 gennaio 2006, n. 823);

che, inoltre, la procura per il ricorso per cassazione ha, ex art. 365 cod. proc. civ., carattere necessariamente speciale, dovendo riguardare il particolare giudizio di legittimità sulla base di una specifica valutazione della sentenza da impugnare, per cui tale procura è valida solo se rilasciata in data successiva alla sentenza impugnata (Cass., Sez. Lav., 24 giugno 2008, n. 17145);

che, pertanto, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile, sia per difetto di legittimazione attiva ad impugnare, sia perchè affetto da procura invalida, in quanto conferita anteriormente alla sentenza impugnata e a margine di un atto diverso dal ricorso per cassazione;

che le spese del giudizio di cassazione, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al rimborso delle spese processuali sostenute dalla Provincia controricorrente, che liquida in complessivi Euro 1.700,00 di cui Euro 1.500,00 per onorari, oltre a spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 15 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 24 aprile 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA