Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9833 del 24/04/2010

Cassazione civile sez. II, 24/04/2010, (ud. 30/11/2009, dep. 24/04/2010), n.9833

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – President – –

Dott. PETITTI Stefano – Consiglie – –

Dott. PARZIALE Ippolisto – rel. Consiglie – –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consiglie – –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consiglie – –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso iscritto al RGN 645-2007 avente ad oggetto “sanzioni

amministrative” proposto da:

M.I., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE MANZONI

24/B, presso lo studio dell’avvocato MAGISTERI ALBERTO, rappresentato

e difeso dall’avvocato CALI’ CARMELO;

– ricorrente –

contro

PREFETTURA MESSINA – UFF TERRITORIALE GOVERNO MESSINA, in persona del

Prefetto pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo

rappresenta e difende, ope legis;

– controricorrente –

avverso il provvedimento del GIUDICE DI PACE di TAORMINA del 17

ottobre 2005;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

30/11/2009 dal Consigliere Dott. IPPOLISTO PARZIALE;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SORRENTINO Federico.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

M.I. impugna il provvedimento del Giudice di Pace di Taormina, adottato alla prima udienza del 17 ottobre 2005, col quale veniva convalidato il verbale della Polizia stradale opposto, in assenza dell’opponente e risultando “l’evidente infondatezza dell’opposizione” sulla base della documentazione depositata dall’amministrazione e di quella allegata dall’opponente.

L’opponente lamentava, in relazione alla contestata violazione dell’art. 148 C.d.S., comma 8, accertata con autovelox sull’autostrada Messina-Catania, l’omessa immediata contestazione, l’omessa e insufficiente motivazione, l’inattendibilita’ dello strumento e la mancanza della prova certa, la nullita’ del verbale per omessa segnaletica dei limiti di velocita’.

Parte ricorrente rileva l’omessa o insufficiente motivazione e la violazione della L. n. 689 del 1981, art. 23 con riferimento alla sentenza della Corte costituzionale n. 507 del 1995 e all’uso di un modulo prestampato.

Resiste con controricorso la Prefettura di Messina la quale deduce in primo luogo l’inammissibilita’ del ricorso per la sua tardivita’, essendo stato pubblicato il provvedimento il 17 ottobre del 2005 ed essendo stata la notifica del ricorso richiesta il 4 dicembre 2006, oltre a termini di un anno e 46 giorni previsto dall’art. 327 c.p.c..

Attivatasi procedura ex art. 375 c.p.c., il Procuratore Generale invia requisitoria scritta nella quale conclude con richiesta di declaratoria di inammissibilita’ del ricorso.

Non sono state depositate memorie.

Il ricorso appare inammissibile perche’ tardivo. In effetti, come correttamente osservato dall’avvocatura dello Stato, il ricorso, che reca la data del 4 dicembre 2006 ed e’ stato passato alla notifica nella stessa data, risulta tardivo, essendo decorsi dal 17 ottobre del 2005 un anno e 48 giorni.

Il ricorso va dichiarato inammissibile.

Le spese seguono la soccombenza.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna la parte ricorrente alle spese di giudizio, liquidate in complessivi 400,00 Euro per onorari oltre spese prenotate a debito e accessori come per legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 30 novembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 24 aprile 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA