Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9825 del 19/04/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 19/04/2017, (ud. 22/03/2017, dep.19/04/2017),  n. 9825

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Presidente –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 15354/2013 R.G. proposto da:

B.G., rappresentato e difeso dall’Avv. Claudio Preziosi,

con domicilio eletto la Cancelleria della Corte di cassazione,

giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso

la quale è domiciliata ex lege in Roma, via dei Portoghesi n. 12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Campania sez. staccata di Salerno n. 159/9/12, depositata il 3

maggio 2012;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 22 marzo 2017

dal Consigliere Giuseppe Fuochi Tinarelli;

Letta la memoria depositata dall’Avv. Claudio Preziosi.

Fatto

PREMESSO

che:

– B.G. ricorre avverso la decisione emessa dalla CTR della Campania sez. staccata di Salerno, che aveva ritenuto fondato e legittimo l’accertamento del maggior reddito ai fini IVA, IRPEF ed IRAP del professionista per l’anno 2003, deducendo, con un unico articolato motivo ai sensi dell’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5, la violazione o falsa applicazione degli artt. 2727 e 2729 c.c. in relazione al D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39 ed omessa e insufficiente motivazione per non aver il giudice d’appello valutato le giustificazioni fornite dal contribuente;

Diritto

CONSIDERATO

che:

– è infondata, preliminarmente, l’eccezione di inammissibilità del controricorso, avendo l’Agenzia contrastato il motivo di ricorso, contestandone, in termini sintetici ma argomentati, l’ammissibilità

e la fondatezza;

– il motivo di ricorso, pur partitamente sviluppato secondo i vizi lamentati, si traduce, in realtà, in una complessiva contestazione della motivazione e del percorso argomentativo della decisione della CTR, deducendo, da un lato, l’inadeguatezza degli elementi presuntivi, già introdotti dal fisco, considerati dal giudice, e, dall’altro, l’insufficiente valutazione della documentazione contabile e bancaria prodotta dal ricorrente;

– la sentenza, peraltro, è immune dal censurato vizio avendo la CTR, con una valutazione unitaria, apprezzato una pluralità di fatti e specificamente:

a) le risultanze bancarie, da cui, nella prospettiva più favorevole al contribuente, emergeva, tenuto conto della cointestazione con terzi soggetti, un importo non minore di Euro 90.000,00 a favore del contribuente, sì da rendere prive di rilievo e decisività le “giustificazioni” del contribuente (difettanti, in ogni caso, di autosufficienza attesa la mancata puntuale riproduzione della documentazione dedotta);

b) l’esistenza di un reddito da partecipazione di 83.240,00 Euro e di un reddito di partecipazione di Euro 1.399,00, a fronte di un superiore accumulo bancario e pur in costanza del soddisfacimento delle esigenze familiari;

c) l’entità e il numero dei pedaggi autostradali fatturati, indice di una significativa attività del professionista a fronte, nel medesimo periodo, dell’assente fatturazione di compensi ed in assenza di ulteriori spiegazioni idonee a giustificare i viaggi;

d) la conservazione di una partita IVA con espletamento, tuttavia, di una sola (e modesta) attività professionale, sì da indurre “fortemente a presumere la percezione di ricavi ben più consistenti a titolo personale”;

– la CTR, poi, con un ragionamento logico e coerente, ha ritenuto tale complesso di elementi “tutti insieme… significativi di una attività professionale intensa e proficua, i cui compensi non sono stati riportati nella dichiarazione dei redditi”, apparendo, dunque, la doglianza più diretta a fornire una interpretazione contrapposta a quella del giudice di merito in vista di una nuova autonoma inammissibile valutazione dei fatti da parte della Corte;

ritenuto pertanto che:

– il ricorso va respinto e le spese di questo giudizio regolate per soccombenza, ponendosi a carico del ricorrente anche l’obbligo di versare l’ulteriore importo per contributo unificato D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente a rifondere all’Agenzia delle entrate le spese di questo giudizio, che liquida in Euro 7.000,00, oltre accessori di legge e spese prenotate a debito. Così deciso in Roma, il nell’adunanza camerale, il 22 marzo 2017.

Depositato in Cancelleria il 19 aprile 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA