Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9819 del 24/04/2010

Cassazione civile sez. II, 24/04/2010, (ud. 12/11/2009, dep. 24/04/2010), n.9819

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – President – –

Dott. PETITTI Stefano – Consiglie – –

Dott. PARZIALE Ippolisto – rel. Consiglie – –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consiglie – –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consiglie – –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 30410-2006 proposto da:

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, in persona del Ministro in

carica, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso L’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e

difende, ope legis;

– ricorrente –

contro

D.S., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA A.

BERTOLONI, 49, presso lo studio dell’avvocato DE CATERINI PAOLO, che

la rappresenta e difende unitamente agli avvocati CAPPELLI EMILIO,

GALLO GIOVANNI, BANDINI ANDREA, giusta procura speciale a margine del

controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 49/2005 del TRIBUNALE DI SALERNO, SUZIONE

DISTACCATA DI MONTECORVINO ROVELLA del 17/06/05, depositata il

16/09/2005;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

12/11/2009 dal Consigliere Relatore Dott. IPPOLISTO PARZIALE; e’

presente il P.G. in persona del Dott. PIERFELICE PRATIS, che si

riporta alle conclusioni scritte.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il Ministero delle politiche agricole impugna la sentenza del Tribunale di Salerno, sezione distaccata di Montecorvino Rovella n. 49 del 2005, depositata il 16 settembre 2005 con la quale veniva accolta l’opposizione proposta dalla signora D.S. avverso l’ingiunzione n. 293 del 1995 dell’Ispettore generale capo del Ministero con cui si ingiungeva il pagamento della somma di L. 38.272.055 per aver percepito aiuti comunitari in ordine alla produzione di olio d’oliva non sussistendone i relativi presupposti.

In particolare era risultato, a seguito di una ispezione effettuata nei giorni 22 e 23 febbraio 1990, un numero di piante pari a 1319 rispetto alle 7086 dichiarate. Non veniva formulato alcun verbale di contestazione al momento e solo successivamente, il 9 ottobre 1990, veniva notificata la contestazione della violazione della L. n. 898 del 1986, art. 2, comma 1, nonche’ l’indebita percezione di somme per un totale complessivo di L. 51.395.810. Ascoltata l’opponente, il successivo 25 settembre 1995 veniva notificata l’ordinanza ingiunzione impugnata con la quale veniva comminata una sanzione di L. 38.272.055 per indebita percezione di aiuti comunitari per le campagne dal 1985 al 1987.

11 Tribunale accoglieva l’eccezione relativa al mancato rispetto dei termini previsti dalla L. n. 689 del 1981, art. 14, come modificati nella fattispecie in questione dalla L. n. 398 del 1986, art. 4, lett. a), in quanto la violazione, non essendo stata contestata immediatamente, era stata poi notificata alla ricorrente oltre il termine di 1 80 giorni dall’accertamento. In particolare il Tribunale osservava che “l’ispezione era stata posta in essere il 22 e il 23 febbraio 1990, mentre il verbale di accertamento con la contestazione era stato stilato il 23 maggio 1990 e notificato il 9 ottobre 1990”.

La decorrenza del termine, secondo il Tribunale, doveva essere calcolata dal momento della redazione del verbale d’ispezione in quanto i dati forniti all’opponente e la documentazione gia’ acquisita in quella sede avevano consentito agli agenti accertatori di individuare gli elementi utili all’infrazione, non trovando plausibile giustificazione il notevole ritardo trascorso per l’effettuazione della notifica dell’accertamento. Appariva quindi ingiustificato il lasso di tempo intercorso (quasi otto mesi) tra la redazione dell’ispezione e la notifica dell’accertamento, non avendo al riguardo fornito alcuna spiegazione il Ministero opposto.

La ricorrente formula un motivo di ricorso col quale deduce insufficiente motivazione circa un punto decisivo della controversia, ritenendo errata la motivazione nella parte in cui afferma che altri accertamenti non furono espletati dopo l’ispezione del 22 febbraio 1990, punto questo decisivo ai fini della congruita’ del tempo trascorso. A giudizio del ricorrente il giudice non avrebbe “letto attentamente ancora una volta lo stesso processo verbale nella parte in cui Agecontrol attesta che dopo l’ispezione dovette verificare l’entita’ degli aiuti percepiti presso l’AIMA. Nello stesso processo verbale, infatti, si precisa che l’accertamento dell’indebito e’ avvenuto attraverso controlli effettuati presso le aziende agricole dichiarate nelle varie domande e l’acquisizione di dati presso gli enti competenti”. Resiste con controricorso la parte intimata.

Attivatasi procedura ex art. 375 c.p.c. il Procuratore Generale invia requisitoria scritta nella quale conclude con richiesta di rigetto del ricorso per manifesta infondatezza.

Il ricorso e’ infondato e va respinto. Infatti il motivo dedotto si risolve in palesi censure in fatto, tutt’al piu’ di carattere revocatorio, non evidenziandosi nel motivo alcuna illogicita’ della motivazione posta a base dell’accoglimento del motivo di opposizione, deducente la decadenza dell’amministrazione dalla pretesa sanzionatoria per inosservanza del termine di contestazione nella specie ritenuto decorrente dalla ispezione, atteso che i dati acquisiti in quella circostanza erano gia’ sufficienti, senza necessita’ di ulteriori riscontri e elaborazioni, ad evidenziare gli elementi essenziali dell’illecito. Le spese seguono la soccombenza.

PQM

La Corte rigetta il ricorso. Condanna la parte ricorrente alle spese di giudizio, liquidate in complessivi 800,00 Euro per onorari e 200,00 per spese, oltre accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 12 novembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 24 aprile 2010

 

 

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA