Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9813 del 04/05/2011

Cassazione civile sez. I, 04/05/2011, (ud. 12/11/2010, dep. 04/05/2011), n.9813

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – rel. Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

S.E., elettivamente domiciliato in Roma, viale Carso 23,

presso l’avv. DAMIZIA Maria Rosaria, che lo rappresenta e difende,

insieme con l’avv. Giovanni Iacono, per procura in atti;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore,

COMMISSIONE TERRITORIALE DI GORIZIA PER IL RICONOSCIMENTO DELLO

STATUS DI RIFUGIATO, in persona del legale rappresentante pro

tempore, COMMISSIONE NAZIONALE PER IL DIRITTO D’ASILO, in persona del

legale rappresentante pro tempore;

– intimati –

avverso la sentenza della Corte di appello di Trieste n. 17/09 del 31

gennaio 2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio in

data 12 novembre 2010 dal relatore, cons. Dott. Stefano Schiro’;

alla presenza del Pubblico ministero, in persona del sostituto

procuratore generale, dott. RUSSO Rosario Giovanni, che nulla ha

osservato.

Fatto

FATTO E DIRITTO

LA CORTE:

A) rilevato che e’ stata depositata in cancelleria, ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., la seguente relazione comunicata al Pubblico Ministero e notificata al difensore del ricorrente:

IL CONSIGLIERE RELATORE, letti gli atti depositati;

RITENUTO CHE:

1. S.E., nato in (OMISSIS), ha proposto ricorso per cassazione avverso la sentenza della Corte di appello di Trieste in data 31 gennaio 2009, che ha rigettato il gravame dal medesimo proposto contro la sentenza del Tribunale di Trieste n. 2008/80, che ha dichiarato inammissibile il ricorso del nominato S.E. avverso il provvedimento di diniego del riconoscimento dello status di protezione internazionale adottato dalla Commissione Territoriale di Gorizia il 21 aprile 2008;

1.1. gli uffici intimati non hanno svolto difese;

OSSERVA:

2. il ricorso per cassazione appare inammissibile, in quanto nessuno dei motivi di ricorso censura l’autonoma “ratio decidendi”, da sola idonea a fondare la decisione impugnata, con la quale la Corte territoriale, con preliminare e pregiudiziale argomentazione, ha confermato la decisione del primo giudice di dichiarare inammissibile il ricorso introduttivo, in quanto la procura alle liti e’ stata rilasciata con atto separato, non congiunto materialmente all’atto a cui si riferiva, contrariamente all’espresso disposto di cui all’art. 83 c.p.c.;

2.1. infatti, in tema di ricorso per cassazione, qualora la decisione impugnata si fondi su di una pluralita’ di ragioni, tra loro distinte ed autonome e singolarmente idonee a sorreggerla sul piano logico e giuridico, l’omessa impugnazione di tutte le “rationes decidendi” rende inammissibili per difetto di’interesse le censure relative alle singole ragioni esplicitamente fatte oggetto di doglianza, in quanto queste ultime, quand’anche fondate, non potrebbero comunque condurre, stante l’intervenuta definitivita’ delle altre non impugnate, all’annullamento della decisione stessa (Cass. 2006/20118; 2007/389;

2007/13070);

3. alla stregua delle considerazioni che precedono e qualora il collegio condivida i rilievi formulati, si ritiene che il ricorso possa essere trattato in camera di consiglio ai sensi degli artt. 375 e 380 bis c.p.c.”;

B) osservato che osservato che non sono state depositate conclusioni scritte o memorie ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. e che, a seguito della discussione sul ricorso tenuta nella camera di consiglio, il collegio ha condiviso le considerazioni esposte nella relazione;

ritenuto che, in base alle considerazioni che precedono, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile e che nulla deve disporsi in ordine alle spese del giudizio di cassazione, non avendo gli uffici intimati svolto difese.

P.Q.M.

LA CORTE dichiara inammissibile il ricorso.

Cosi’ deciso in Roma, il 12 novembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 4 maggio 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA