Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9809 del 14/04/2021

Cassazione civile sez. I, 14/04/2021, (ud. 04/03/2021, dep. 14/04/2021), n.9809

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente –

Dott. SCOTTI Umberto Luigi Cesare Giuseppe – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. RUSSO Rita – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17883/2019 proposto da:

B.B., nato a (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avv.

Enrico Villanova, del Foro di Treviso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, ((OMISSIS)), in persona del Ministro pro

tempore;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1774/2018 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 21/11/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

04/03/2021 dalla Cons. Dott. RUSSO RITA.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

Il ricorrente, cittadino (OMISSIS), è coniugato con cittadina italiana che dopo il matrimonio lo ha denunciato per violenza minaccia e induzione al matrimonio, chiedendo l’annullamento del matrimonio. Il Questore di Cremona, con provvedimento notificato il 4 settembre 2016 ha revocato il permesso di soggiorno ritenendo il matrimonio celebrato per fini elusivi. Il B. ha impugnato il predetto provvedimento di revoca.

Il ricorso è stato respinto in primo grado, ha proposto appello il B. e la Corte d’appello di Brescia con sentenza depositata in data 21 novembre 2018 ha confermato la sentenza impugnata.

Avverso la predetta sentenza ha proposto ricorso per cassazione l’interessato, con atto notificato a mezzo pec all’Avvocatura in data 22 maggio 2019, affidandosi a due motivi.

Preliminarmente sulla tempestività del ricorso

La sentenza impugnata è stato depositata in data 21 novembre 2018 e pertanto il ricorrente è incorso nella decadenza prevista dall’art. 327 c.p.c., che decorre indipendentemente dalla notificazione, essendo trascorsi oltre sei mesi tra la data del deposito e quella della notificazione del ricorso per cassazione avvenuta a mezzo pec il 22 maggio 2019.

Il ricorso è pertanto da dichiarare inammissibile.

Nulla sulle spese in difetto di regolare costituzione dell’amministrazione intimata.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della non sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio da remoto, il 4 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 14 aprile 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA