Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9778 del 26/05/2020

Cassazione civile sez. lav., 26/05/2020, (ud. 15/10/2019, dep. 26/05/2020), n.9778

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe – Presidente –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – Consigliere –

Dott. GARRI Fabrizia – rel. Consigliere –

Dott. CIRIELLO Antonella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19088-2016 proposto da:

G.C., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE TUPINI 113,

presso lo studio dell’avvocato NICOLA CORBO, che lo rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

TELECOM ITALIA S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CANCELLERIA

DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato GIOVANNI SALLUSTRI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1637/2015 della CORTE D’APPELLO di SALERNO,

depositata il 29/01/2016 r.g.n. 934/2013.

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. La Corte di appello di Salerno, in parziale accoglimento del ricorso proposto da G.C., confermata nel resto la sentenza del Tribunale della stessa città, ha condannato Telecom Italia s.p.a. a corrispondergli la somma di Euro 20.000,00 oltre accessori dovuti per legge a titolo di risarcimento del danno non patrimoniale alla professionalità patito per effetto del demansionamento protrattosi dal 18.4.2002 in poi.

2. La Corte di merito ha rammentato che con sentenza della Cassazione n. 5801 del 2015 era divenuta definitiva la sentenza che aveva accertato il demansionamento del lavoratore ed aveva liquidato equitativamente il danno per l’effetto subito.

2.1. Ha evidenziato che la Cassazione aveva chiarito che in presenza di un danno derivante da un unico fatto illecito già verificatosi nella sua completezza non era ammissibile il frazionamento della tutela giurisdizionale con la proposizione di più domande neppure mediante riserva di far valere ulteriori e diverse voci di danno in altro procedimento.

2.2. Ha poi accertato che il fatto generatore del danno era l’ulteriore demansionamento sofferto dopo l’aprile del 2002 e sino alla data del deposito del ricorso in relazione al quale il G. aveva reclamato anche il risarcimento del danno alla professionalità sofferto dal 2000 in poi ed aveva chiesto che venisse accertato e liquidato anche il danno morale, biologico,da mobbing e da perdita di chance (quantificati rispettivamente, nel 35% delle retribuzioni medio tempore maturate, in Euro 15.000,00 in relazione alla diffusione di dati sensibili, Euro 100.000,00 per il danno da mobbing e, per la perdita di chance nella differenza tra la retribuzione di V livello percepita e quella di VI che avrebbe potuto conseguire).

2.3. Pur ritenuta ammissibile la domanda complessivamente proposta, tuttavia la Corte ha rigettato quella intesa ad accertare l’esistenza di un ulteriore demansionamento dal 2002 al deposito del ricorso con obbligo della Telecom di assegnarlo a mansioni corrispondenti a quelle descritte nel sesto livello del c.c.n.l. osservando che le stesse erano coperte dal giudicato già formatosi nel precedente giudizio. Ha respinto la domanda di risarcimento del danno biologico essendo stata esclusa dalla consulenza disposta in giudizio l’esistenza di un nesso causale tra i disturbi accertati ed il demansionamento denunciato.

2.4. Ha del pari rigettato la domanda di risarcimento del danno conseguente alla diffusione di dati sensibili osservando che non erano state allegate concrete situazioni di disagio, imbarazzo e timore quale conseguenza della diffusione di informlioni relative alla sua salute.

2.5. Ha accolto invece la domanda di condanna al risarcimento del danno alla professionalità sul rilievo che era incontestata la sua rimozione dall’incarico senza motivo e la protratta inattività alla quale era stato costretto e tenuto conto della durata della vicenda che aveva coinvolto il G., del tempo necessario ad acquisire nuove professionalità, dell’elevazione professionale, dell’età relativamente giovane del lavoratore all’epoca dei fatti e della mancata considerazione delle limitazioni fisiche, note all’azienda, di cui era portatore ha liquidato in complessivi Euro 20.000,00 il danno riportato (Euro 4.000,00 per ogni anno di demansionamento).

2.6. Ha escluso infine che vi fosse la prova di altri danni risarcibili in relazione al mobbing denunciato, mancando la prova di un intento persecutorio in capo alla datrice di lavoro.

3. Per la cassazione della sentenza propone ricorso G.C. affidato a due motivi. Resiste con controricorso Telecom Italia s.p.a.. La ricorrente ha depositato memoria ai sensi dell’art. 380 bis 1 c.p.c..

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

4. Con il primo motivo di ricorso è denunciata la violazione degli artt. 2043 c.c. e ss. ed in particolare dell’art. 2056 in relazione all’art. 2059 c.c. e art. 1223 c.c. e ss., art. 1226 c.c., artt. 420 e 345 c.p.c. e di ogni altra norma in materia di determinazione del danno anche in via equitativa nel caso di demansionamento e di violazione dei diritti di dignità del lavoratore.

4.1. Sostiene il ricorrente che – pur condividendo la sentenza nella parte in cui ha accertato l’esistenza del diritto del lavoratore al risarcimento del danno conseguente al demansionamento intervenuto nel periodo successivo a quello oggetto del suo primo ricorso – per quanto concerne la liquidazione del danno (Euro 4000,00 per ciascun anno di attività) sarebbe stato necessario, in adesione alla giurisprudenza della Cassazione, utilizzare come parametro la retribuzione annua percepita percentualmente ridotta tenuto conto dell’importanza dell’inadempimento.

4.2. Osserva il G. che la Corte di merito si sarebbe discostata da tale percorso trascurando di esplicitare la ragione in base alla quale è pervenuta alla quantificazione del danno non avendo dato conto della gravità dell’inadempimento, sia sotto il profilo della sua durata che per quanto riguarda le mansioni assegnate anche in relazione alle condizioni di salute del lavoratore e degli ulteriori riflessi della condotta sull’equilibrio psico fisico dello stesso.

5. Il motivo non può essere accolto.

5.1. La liquidazione equitativa, anche nella sua forma cd. “pura”, consiste in un giudizio di prudente contemperamento dei vari fattori di probabile incidenza sul danno nel caso concreto, sicchè, pur nell’esercizio di un potere di carattere discrezionale, il giudice è chiamato a dare conto, in motivazione, del peso specifico attribuito ad ognuno di essi, in modo da rendere evidente il percorso logico seguito nella propria determinazione e consentire il sindacato del rispetto dei principi del danno effettivo e dell’integralità del risarcimento (cfr. Cass. 13/09/2018 n. 22272). Nell’ambito del danno da demansionamento è sindacabile in sede di legittimità, come violazione dell’art. 1226 c.c. e, nel contempo, come ipotesi di assenza di motivazione, di “motivazione apparente”, di “manifesta ed irriducibile contraddittorietà” e di “motivazione perplessa od incomprensibile”, quando la valutazione del giudice di merito non abbia indicato, nemmeno sommariamente, i criteri seguiti per determinare l’entità del danno e gli elementi su cui ha basato la sua decisione in ordine al “quantum” (cfr. Cass. 20/06/2019 n. 16595). Ove tuttavia, come nella specie, la Corte territoriale dimostri, dandone specificatamente atto, di aver tenuto conto di una serie ben individuata di criteri parametrici che ne hanno guidato l’individuazione della misura del danno (nello specifico la durata del demansionamento, il tempo necessario ad acquisire nuove professionalità, le prospettive di carriera e di elevazione professionale, i disagi connessi alla mancata considerazione delle condizioni fisiche del lavoratore) deve escludersi che sia incorsa nella denunciata violazione dell’art. 1226 c.c. o in un vizio motivazionale ammissibile alla luce del tenore dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 nel testo novellato dalla L. n. 134 del 2012.

6. Con il secondo motivo di ricorso è denunciata la violazione dell’art. 112 c.p.c. per aver il giudice di appello limitato la condanna ai danni da dequalificazione maturati alla data del deposito del ricorso (2009) sebbene ne fosse stata chiesta la liquidazione all’attualità nel perdurante inadempimento della società e senza considerare che, semmai, era onere di quest’ultima allegare e dimostrare che l’inadempimento era cessato. Evidenzia inoltre che in corso di causa era stato prodotto un documento dal quale risultava che solo il 13.6.2011 al G. era stato assegnato a nuove mansioni impiegatizie e che perciò quanto meno fino a quel momento doveva essergli liquidato il danno così come del pari era dovuto quello per il periodo dal 2002 al 2004 che, erroneamente, era stato ritenuto coperto dal giudicato.

7. Anche tale motivo non può essere accolto.

7.1. La censura, in violazione dell’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6 e art. 369 c.p.c., comma 2, n. 4, non è sufficientemente specifica poichè trascura di riportare il contenuto esatto della domanda avanzata nel primo ricorso di primo ricorso e quella del ricorso introduttivo della lite del presente giudizio.

7.2. Affinchè possa utilmente dedursi in sede di legittimità un vizio di omessa pronunzia, ai sensi dell’art. 112 c.p.c., è necessario, da un lato, che al giudice del merito siano state rivolte una domanda od un’eccezione autonomamente apprezzabili, ritualmente ed inequivocabilmente formulate, per le quali quella pronunzia si sia resa necessaria ed ineludibile, e, dall’altro, che tali istanze siano riportate puntualmente, nei loro esatti termini e non genericamente ovvero per riassunto del loro contenuto, nel ricorso per cassazione, con l’indicazione specifica, altresì, dell’atto difensivo e/o del verbale di udienza nei quali l’una o l’altra erano state proposte, onde consentire al giudice di verificarne, “in primis”, la ritualità e la tempestività ed, in secondo luogo, la decisività delle questioni prospettatevi. Ove, quindi, si deduca la violazione, nel giudizio di merito, del citato art. 112 c.p.c., riconducibile alla prospettazione di un’ipotesi di “error in procedendo” per il quale la Corte di cassazione è giudice anche del “fatto processuale”, detto vizio, non essendo rilevabile d’ufficio, comporta pur sempre che il potere-dovere del giudice di legittimità di esaminare direttamente gli atti processuali sia condizionato, a pena di inammissibilità, all’adempimento da parte del ricorrente – per il principio di autosufficienza del ricorso per cassazione che non consente, tra l’altro, il rinvio “per relationem” agli atti della fase di merito – dell’onere di indicarli compiutamente, non essendo legittimato il suddetto giudice a procedere ad una loro autonoma ricerca, ma solo ad una verifica degli stessi (cfr. Cass. 04/07/2014 n. 15367).

8. In conclusione, per le ragioni esposte, il ricorso deve essere rigettato.

Le spese seguono la soccombenza e sono liquidate in dispositivo. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater va dato atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso a norma dell’art. 13, comma 1 bis citato D.P.R., se dovuto.

P.Q.M.

La Corte, rigetta il ricorso.

Condanna il ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che si liquidano in Euro 4000,00 per compensi professionali, Euro 200,00 per esborsi, 15% per spese forfetarie oltre agli accessori dovuti per legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte della ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso a norma dell’art. 13, comma 1 bis citato D.P.R., se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 15 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 26 maggio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA