Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9772 del 04/05/2011

Cassazione civile sez. II, 04/05/2011, (ud. 25/01/2011, dep. 04/05/2011), n.9772

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ODDO Massimo – Presidente –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – Consigliere –

Dott. MIGLIUCCI Emilio – rel. Consigliere –

Dott. MANNA Felice – Consigliere –

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 17352/2005 proposto da:

B.P. (OMISSIS), B.G.,

elettivamente domiciliati in ROMA, VIALE GIULIO CESARE 14, presso lo

studio dell’avvocato BARBANTINI Maria Teresa, che li rappresenta e

difende unitamente agli avvocati CUGURRA PAOLO, MASNATA GIANLUIGI;

– ricorrenti –

contro

V.M. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato TIMOSSI Gualtiero;

S.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliata

in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata

e difesa dall’avvocato TIMOSSI GUALTIERO;

– controricorrenti –

e contro

A.M.R., A.G., A.I.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1632/2004 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

depositata il 12/10/2004;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

25/01/2011 dal Consigliere Dott. EMILIO MIGLIUCCI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Libertino Alberto, che ha concluso per l’estinzione del

procedimento per intervenuta rinuncia.

Fatto

RILEVATO IN FATTO E DIRITTO

Che con atto del 31 luglio 2008 sottoscritto dalle parti e dai loro difensori B.P. e B.G. hanno dichiarato di rinunciare ai ricorso per cassazione iscritto al n. 17352/05 avverso la sentenza emessa dalla Corte di appello di Torino dep. il 12 ottobre 2004;

la rinuncia è stata accettata dai controricorrenti V. M. e S.A. che vi hanno aderito con atto sottoscritto anche dal difensore;

lette le conclusioni del sostituto Procuratore Generale che ha concluso per la declaratoria di estinzione del giudizio;

ritenuto che, in considerazione dell’adesione alla rinuncia da parte dei resistenti, non va emessa alcuna statuizione in ordine alla regolamentazione delle spese processuali.

P.Q.M.

visti gli artt. 375, 390 e 391 cod. proc. civ..

dichiara l’estinzione del giudizio per rinuncia.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 25 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 maggio 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA