Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9733 del 03/05/2011

Cassazione civile sez. II, 03/05/2011, (ud. 16/12/2010, dep. 03/05/2011), n.9733

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – rel. Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

COMUNE DI LAGUNDO in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA MACCHIAVELLI 25, presso lo studio dell’avv.

PILIA PAOLO GIUSEPPE, che lo rappresenta e difende unitamente

all’avv. GANNER MARTIN, giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

RECLA SRL (OMISSIS) in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, presso la CORTE DI

CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avv. GAPP HUBERT, giusta

procura speciale a margine della seconda pagina del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 3/2009 del TRIBUNALE di BOLZANO – Sezione

Distaccata di MERANO dell’8.1.09, depositata il 13/01/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

16/12/2010 dal Consigliere Relatore Dott. PASQUALE D’ASCOLA;

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. ROSARIO

GIOVANNI RUSSO.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il 13 dicembre 2009 il tribunale di Bolzano, sez. staccata di Merano, in riforma della sentenza resa il 23 luglio 2007 dal giudice di pace di Merano, accoglieva l’appello proposto da Recla srl, la quale aveva proposto opposizione al verbale di accertamento di violazione dell’art. 142 C.d.S., comma 8, verificata il (OMISSIS), dalla polizia municipale di Lagundo.

Per quanto ancora qui interessa, il tribunale riteneva fondate le censure attinenti alla necessita’ di taratura dell’apparecchiatura elettronica utilizzata per il rilevamento e all’onere dell’amministrazione di dar prova della relativa operazione, necessaria per la regolarita’ della rilevazione.

La sentenza impugnata dichiarava assorbiti gli altri motivi di appello.

Notificata la sentenza in data 29 gennaio 2009, il Comune di Lagundo ha proposto ricorso per cassazione, notificato il 30 marzo 2009.

L’opponente si e’ costituita con controricorso.

Con l’unico motivo, parte ricorrente lamenta violazione e falsa applicazione dell’art. 142 C.d.S., comma 6, e relative norme regolamentari di esecuzione.

Deduce la piena legittimita’ dell’uso dell’apparecchiatura, conforme alle caratteristiche di’ cui all’art. 345 reg. esec. C.d.S., nonche’ l’estraneita’ alla materia delle norme sul sistema nazionale di taratura.

Con rituale quesito di diritto, sviluppato in due proposizioni, chiede che sia negata la applicabilita’ dei controlli previsti dalla L. n. 273 del 1991 e che sia confermato che e’ onere dell’eventuale opponente dar prova delle irregolarita’ di funzionamento connesse alla mancanza di revisione o manutenzione dell’apparecchiatura utilizzata.

Il motivo e’ manifestamente fondato.

Questa sezione ha gia’ statuito che in tema di sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada, le apparecchiature elettroniche regolarmente omologate utilizzate per rilevare le violazioni dei limiti di velocita’ stabiliti, come previsto dall’art. 142 C.d.S., non devono essere sottoposte ai controlli previsti dalla L. n. 273 del 1991, istitutiva del sistema nazionale di taratura.

Tale sistema di controlli, infatti, attiene alla materia ed metrologica diversa rispetto a quella della misurazione elettronica della velocita’ ed e’ competenza di autorita’’ amministrative diverse, rispetto a quelle pertinenti al caso di specie (Cass. 23978/07; 29333/08; 9846/2010).

Ne consegue la superfluita’ di ogni ulteriore argomentazione e l’irrilevanza della prova sulla esecuzione dell’operazione di taratura, posto che, mancando, per l’inapplicabilita’ della L. n. 273 del 1992, una disposizione normativa di rango primario che la renda obbligatoria, la legittimita’ della pretesa accertata da pubblico ufficiale con strumentazione elettronica non puo’ essere inficiata calla ipotizzata omissione di una prescrizione regolamentare.

Va infatti ribadito che in materia di violazione delle norme del codice della strada relative ai limiti di velocita’, l’efficacia probatoria dello strumento rilevatore del superamento di tali limiti opera fino a quando sia accertato, nel caso concreto, su la base di circostanze allegate dall’opponente e debitamente provate, il difetto di costruzione, installazione o funzionamento del dispositivo elettronico (Cass. 10212/05; 287/05).

Mette conto osservare che del tutto infondata e’ l’eccezione di inammissibilita’ del ricorso per pretesa violazione del principio di autosufficienza, posto che i documenti cui si riferisce la resistente, dei quali non sarebbe stato riportato il testo, attengono alla omologazione dell’apparecchiatura, questione non oggetto di impugnazione perche’ risolta in senso favorevole alle ragioni dell’ente locale.

Queste osservazioni sono state svolte nella relazione preliminare depositata dal consigliere relatore. Le parti non hanno depositato memoria.

Il Collegio condivide pienamente la relazione comunicata ex art 380 bis c.p.c. e reputa manifestamente fondato il motivo di ricorso.

Discende da quanto esposto l’accoglimento del ricorso.

ha sentenza impugnata va cassata e la cognizione rimessa ad altro giudice del tribunale di Bolzano che si atterra’ al principio di diritto sopra ribadito e provvedera’ anche alla liquidazione delle spese di questo giudizio.

Le ulteriori ragioni di opposizione esposte in controricorso potranno, se sara’ accolto il ricorso, essere oggetto del giudizio di rinvio ove in precedenza siano state ritualmente introdotte.

P.Q.M.

LA CORTE accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, al tribunale di Bolzano, in diversa composizione.

Cosi’ deciso in Roma, nella Camera di consiglio della sezione seconda civile, il 16 dicembre 2010.

Depositato in Cancelleria il 3 maggio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA