Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 971 del 21/01/2010

Cassazione civile sez. un., 21/01/2010, (ud. 15/12/2009, dep. 21/01/2010), n.971

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ELEFANTE Antonino – Primo Presidente f.f. –

Dott. PREDEN Roberto – Presidente di sezione –

Dott. VIDIRI Guido – Consigliere –

Dott. ODDO Massimo – Consigliere –

Dott. D’ALONZO Michele – Consigliere –

Dott. MERONE Antonio – Consigliere –

Dott. FELICETTI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – Consigliere –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

CONSORZIO STABILE AEDARS S.C.A.R.L. (in proprio e quale capogruppo

dell’ATI con la COMER S.P.A., la SELCA S.P.A. e la COMEAP Soc.

CONSORTILE a R.L.), COMEAP S.C.R.L., COMER S.P.A., SELCA S.P.A., in

persona dei rispettivi legali rappresentanti pro tempore,

elettivamente domiciliati in ROMA, CORSO DEL RINASCIMENTO 11, presso

lo studio degli avvocati PELLEGRINO GIOVANNI, PELLEGRINO GIANLUIGI,

che li rappresentano e difendono per delega a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

TODINI COSTRUZIONI GENERALI S.P.A. (in proprio e quale capogruppo

mandataria dell’A.T.I. costituita con la Soc. Pescatore s.r.l. e la

Edil Cava S.Maria La Bruna di Di Ruocco Gaetano s.n.c.)

((OMISSIS)), in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA G. D’AREZZO 18, presso

l’avvocato MAGRI’ ENNIO, che la rappresenta e difende, per delega a

margine del controricorso;

– controricorrente –

contro

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – COMMISSARIO DELEGATO PER IL

SUPERAMENTO DELL’EMERGENZA SOCIO – ECONOMICO – AMBIENTALE DEL BACINO

IDROGRAFICO DEL FIUME (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI

12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– resistente –

avverso la decisione n. 2911/2008 del CONSIGLIO DI STATO, depositata

il 12/06/2008;

udito l’avvocato Lelio DELLA PIETRA per delega dell’avvocato Ennio

Magri;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

15/12/2009 dal Consigliere Dott. FELICETTI Francesco.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

che il Consorzio Stabile Aedars s.c. a r.l., in proprio e in qualita’ di capogruppo dell’ATI, nonche’ la COMER s.p.a., la SELCA s.p.a., la COMEAP s.c.a r.l., con ricorso notificato il 31 luglio – 1 agosto 2008 alla Todini Costruzioni Generali s.p.a., alla Societa’ Pescatore s.r.l., alla Societa’ Edil Cava S. Maria La Bruna di Ruocco Gaetano, nonche’ alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, hanno impugnato la decisione della sesta sezione del Consiglio di Stato n. 2911 del 2008, pubblicata il 12 giugno 2008, con la quale e’ stata disposta la correzione del dispositivo n. 416 del 2008 – depositato in cancelleria ai sensi della L. n. 1034 del 1971, art. 23 bis, comma 6 – relativo al ricorso n. 9735/2007, riguardante l’impugnazione della sentenza del TAR Lazio – Roma, sezione prima, n. 11322 del 2007, resa fra le parti, riguardante l’aggiudicazione della gara relativa all’appalto per i lavori di bonifica-rimozione dei sedimenti e sistemazione del bacino idrografico del fiume (OMISSIS);

che con il ricorso si denuncia “eccesso di potere giurisdizionale” da parte del Consiglio di Stato, deducendosi che, avendo il dispositivo depositato ai sensi della L. n. 1034 del 1991, art. 23 bis, comma 6 valenza esterna, esso e’ immodificabile, o comunque e’ tale fino al deposito della motivazione (che nel caso di specie non vi era ancora stata), con la conseguenza che il Consiglio di Stato non aveva il potere di modificarlo;

che la sola Societa’ Todini Costruzioni Generali ha depositato controricorso, eccependo l’inammissibilita’ del ricorso – essendo stata nel frattempo depositata la sentenza del Consiglio di Stato (n. 4832 del 2008), che ha provveduto in conformita’ del dispositivo corretto – e chiedendone, comunque, il rigetto, mentre la presidenza del Consiglio ha tardivamente depositato un irrituale “atto di costituzione”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che questa Corte, con giurisprudenza consolidata e risalente (Cass. Sez. Un., 3 novembre 1982, n. 5749; 5 luglio 1991, n. 7430) ha statuito in via generale la non proponibilita’ del ricorso avverso la pronuncia del Consiglio di Stato che abbia provveduto alla correzione di un errore materiale ai sensi del R.D. 17 agosto 1907, n. 642, art. 93 poiche’ la correzione, ancorche’ illegittima, non integra un autonomo e nuovo esercizio del potere giurisdizionale, con la conseguente inammissibilita’ del ricorso, in quanto tale violazione non investe i limiti esterni delle attribuzioni giurisdizionali del Consiglio di Stato;

che tale giurisprudenza ha avuto recente applicazione e conferma in relazione a fattispecie in tutto identica a quella ora in esame, relativa alla correzione del dispositivo depositato e pubblicato ai sensi della L. n. 1034 del 1971, art. 23 bis, comma 6 (Cass. Sez. Un., 4 febbraio 2005, n. 2199);

che il ricorso, pertanto, deve essere dichiarato inammissibile, con la condanna delle parti ricorrenti alle spese nei confronti della sola parte regolarmente costituita, che si liquidano come in dispositivo.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna i ricorrenti alle spese del giudizio di cassazione nei confronti della Todini Costruzioni Generali s.p.a. liquidandole nella misura di Euro millecinquecento/00, di cui Euro duecento/00 per spese vive, oltre spese generali e accessori come per legge.

Cosi’ deciso in Roma, nella Camera di consiglio delle Sezioni Unite Civili, il 15 dicembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 21 gennaio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA