Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9664 del 22/04/2010

Cassazione civile sez. III, 22/04/2010, (ud. 28/01/2010, dep. 22/04/2010), n.9664

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PREDEN Roberto – President – –

Dott. FINOCCHIARO Mario – Consiglie – –

Dott. MASSERA Maurizio – Consiglie – –

Dott. SEGRETO Antonio – Consiglie – –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – rel. Consiglie – –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 10966-2009 proposto da:

D.L., elettivamente domiciliato in ROMA, presso la CORTE DI

CASSAZIONE, rappresentato e difeso dagli avvocati MARRAZZO LUIGI e

CASERTA CAMILLO, giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI RENDE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 389/2009 del GIUDICE DI PACE di COSENZA,

depositata il 02/02/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

28/01/2010 dal Consigliere Relatore Dott. LUIGI ALESSANDRO SCARANO.

E’ presente il P.G. in persona del Dott. EDUARDO VITTORIO

SCARDACCIONE.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

Considerato che e’ stata depositata in cancelleria relazione del seguente tenore:

“Avverso la pronunzia del Giudice di pace di Cosenza del 2/2/2009 il sig. D.L. propone ricorso per cassazione, affidato ad unico motivo, avverso la pronunzia nella causa dal medesimo introdotta nei confronti del COMUNE di RENDE avente ad oggetto risarcimento dei danni subiti in conseguenza di sinistro stradale asseritamente causato da una buca di notevoli dimensioni sussistente sul manto stradale della locale via (OMISSIS).

L’intimato non ha svolto attivita’ difensiva.

Il ricorso dovra’ essere dichiarato inammissibile.

Trattasi infatti di sentenza depositata il 2/2/2009, successivamente alla data (2 marzo 2006) di entrata in vigore del D.Lgs. n. 40 del 2006, e pertanto impugnabile con atto di appello, e non gia’ con ricorso per cassazione”;

atteso che la relazione e’ stata comunicata al P.G. e notificata al difensore della parte costituita;

rilevato che il ricorrente non ha presentato memoria ne’ vi e’ stata richiesta di audizione in camera di consiglio;

considerato che il P.G. ha condiviso la relazione;

rilevato che a seguito della discussione sul ricorso tenuta nella camera di consiglio il collegio ha condiviso le osservazioni esposte nella relazione;

ritenuto che il ricorso deve essere pertanto dichiarato inammissibile;

considerato che non e’ peraltro a farsi luogo a pronunzia in ordine alle spese del giudizio di cassazione, non avendo l’intimato svolto attivita’ difensiva.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile.

Così deciso in Roma, il 28 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 22 aprile 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA