Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9642 del 13/04/2021

Cassazione civile sez. VI, 13/04/2021, (ud. 14/10/2020, dep. 13/04/2021), n.9642

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. COSENTINO Antonello – Presidente –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. ABETE Luigi – Consigliere –

Dott. CASADONTE Annamaria – Consigliere –

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 25074-2019 proposto da:

K.E.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI

PORTA PINCIANA 4, presso lo studio dell’avvocato FABRIZIO

IMBARDELLI, che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati

GIUSEPPE GRATTERI, FRANCO MODENA;

– ricorrente –

contro

B.S., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ANTONIO GRAMSCI

9, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE LUDOVICO MOTTI BARSINI,

che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato ANDREA MORI

POMETTI;

– controricorrente –

contro

S.G., S.L., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA BRESSANONE 3, presso lo studio dell’avvocato MARIA LUISA

CASOTTI CANTATORE, che li rappresenta e difende unitamente

all’avvocato ALESSANDRO LEPRI;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 912/2019 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE,

depositata il 16/04/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 14/10/2020 dal Consigliere Relatore Dott. CHIARA

BESSO MARCHEIS.

 

Fatto

PREMESSO

Che:

K.E.M. ricorre in cassazione avverso la sentenza della Corte d’appello di Firenze 16 aprile 2019, n. 912, che ha respinto il gravame da lei fatto valere contro la pronuncia del Tribunale di Siena, che aveva rigettato la domanda della ricorrente volta ad ottenere la declaratoria di inefficacia del contratto di vendita con il quale S.L. e S.G., senza avere dato alla ricorrente la possibilità di esercitare la prelazione agraria, avevano venduto a B.S. un terreno agricolo.

Resistono con distinti controricorsi da un lato B.S. e dall’altro lato S.L. e S.G..

La ricorrente ha depositato memoria.

Il ricorso è stato assegnato alla trattazione in camera di consiglio ex art. 380-bis c.p.c., con proposta di inammissibilità.

Diritto

CONSIDERATO

che:

L’unico motivo di ricorso, rubricato “violazione e falsa applicazione degli artt. 1362 e 1367 c.c. e della L. 3 maggio 1982, n. 203, artt. 16,17,45 e 58 e dei principi emergenti”, lamenta come – a fronte di un contratto denominato comodato, che non prevedeva alcun corrispettivo – la Corte d’appello abbia sovvertito l’inequivocabile tenore letterale del medesimo, affermando che il corrispettivo sarebbe stato rappresentato dall’obbligo di migliorare il fondo, mediante la realizzazione di vigneti, obbligo di cui non vi è traccia nel contratto.

Il Collegio dissente dalla proposta del relatore e, ritenendo che non ricorrano le ipotesi di cui all’art. 375 c.p.c., comma 1, nn. 1 e 5, afferma la necessità della rimessione della causa alla pubblica udienza della sezione semplice ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., u.c..

P.Q.M.

La Corte rimette la causa alla pubblica udienza della seconda sezione civile.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sesta/2 sezione civile, il 14 ottobre 2020.

Depositato in Cancelleria il 13 aprile 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA