Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9453 del 09/04/2021

Cassazione civile sez. I, 09/04/2021, (ud. 11/02/2021, dep. 09/04/2021), n.9453

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente –

Dott. ACIERNO Maria – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

Dott. CARADONNA Lunella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 18356/2019 proposto da:

B.B., elettivamente domiciliato in Ferrara, Via Guglielmo

degli Adelardi n. 61, presso lo studio dell’avv. Simona Maggiolini,

con procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Ministero Dell’interno, (OMISSIS);

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di BOLOGNA, depositato il

29/01/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

11/02/2021 da Dott. NAZZICONE LOREDANA.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

E’ proposto ricorso, sulla base di tre motivi, avverso il decreto del Tribunale di Bologna del 29.1.2019, n. 544, il quale ha rigettato il ricorso in opposizione innanzi a sè contro il provvedimento della Commissione territoriale di diniego dell’istanza di riconoscimento della protezione internazionale e di quella umanitaria.

Il decreto impugnato ha osservato – dopo l’audizione del richiedente, il quale ha ivi narrato di essere fuggito dal suo paese per problemi con la giustizia, a seguito della vendita di un terreno, in ordine al quale il compratore, ritenendosi truffato dopo l’espropriazione da parte dello Stato, aveva poi chiesto la restituzione del prezzo – che: il racconto reso dal ricorrente, cittadino del Gambia, innanzi alla Commissione e al Tribunale è generico e non credibile, ampiamente argomentando le carenze del racconto e l’assoluta evanescenza di ogni dettaglio o notizia, con palesi contraddizioni; tale inattendibilità del ricorrente induce ad escludere i presupposti dello status di rifugiato e della protezione sussidiaria, di cui alle fattispecie del D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 14, sub lett. a) e b); è da escludere anche la fattispecie di cui del suddetto art. 14, lett. c), in quanto dall’esame ampio delle fonti esaminate non si desume la sussistenza di una situazione di violenza generalizzata derivante da conflitto armato nella regione di provenienza; non è, infine, riconoscibile la protezione umanitaria per la mancata allegazione di condizioni individuali di vulnerabilità.

Il Ministero non si è costituito.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. – I motivi del ricorso vanno come segue riassunti:

1) violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, artt. 8 e 27, in quanto il Tribunale non avrebbe adeguatamente valutato la situazione sociopolitica del paese di provenienza, omettendo una approfondita istruttoria sul punto, da cui sarebbe invece emerso che la zona è caratterizzata da conflitto generalizzato e comunque da azioni che interessano gravemente anche la popolazione civile;

2) violazione dell’art. 16 direttiva n. 32/13/UE e art. 2729 c.c., avendo il Tribunale ritenuto non credibile il ricorrente, pur avendolo ampiamente ascoltato in udienza innanzi a sè, senza però porlo in condizioni di chiarire le ritenute discrepanze di quanto dichiarato;

3) violazione degli artt. 6,13 Convenzione EDU, art. 47 Carta diritti fondamentali UE, art. 46 direttiva n. 32/13/UE, artt. 24 e 111 Cost., per aver il giudice omesso l’esame completo degli elementi di fatto e di diritto della fattispecie, e per non aver ritenuto il ricorrente meritevole almeno della protezione umanitaria.

2. – Il ricorso è inammissibile.

Al pari di quanto già ritenuto da questa S.C. in casi analoghi (con lo stesso difensore: cfr. Cass. 26 gennaio 2021, n. 1718; Cass. 2 novembre 2020, n. 24256), il ricorso non rispetta il requisito della esposizione sommaria dei fatti, prescritto a pena di inammissibilità del ricorso per cassazione dall’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 3, che, essendo considerato dalla norma come uno specifico requisito di contenuto-forma del ricorso, deve consistere in una esposizione che idonea a garantire alla Corte di cassazione, di avere una chiara e completa cognizione del fatto sostanziale che ha originato la controversia e del fatto processuale, senza dover ricorrere ad altre fonti o atti in suo possesso, compresa la stessa sentenza impugnata (Cass. sez. un. 11653 del 2006).

La prescrizione del requisito risponde non ad un’esigenza di mero formalismo, ma a quella di consentire una conoscenza chiara e completa dei fatti di causa, sostanziali e o processuali, che permetta di bene intendere il significato e la portata delle censure rivolte al provvedimento impugnato (Cass. sez. un. 2602 del 2003).

Stante tale funzione, per soddisfare il requisito imposto dall’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 3, è necessario che il ricorso per cassazione contenga, sia pure in modo non analitico o particolareggiato, l’indicazione sommaria delle reciproche pretese delle parti, con i presupposti di fatto e le ragioni di diritto che le hanno giustificate, delle eccezioni, delle difese e delle deduzioni di ciascuna parte in relazione alla posizione avversaria, dello svolgersi della vicenda processuale nelle sue articolazioni e, dunque, delle argomentazioni essenziali, in fatto e in diritto, su cui si è fondata la sentenza di primo grado, delle difese svolte dalle parti in appello, ed in fine del tenore della sentenza impugnata.

Il fatto è descritto alla pagina 2 del ricorso, il quale però riporta semplicemente la menzione del primo grado di giudizio, senza esporre le ragioni poste a sostegno della istanza innanzi alla Commissione e di quelle che ne hanno determinato il rigetto innanzi al Tribunale.

Le domande introduttive sono descritte semplicemente dicendo che “con ricorso depositato presso il competente Tribunale Civile di Bologna, il sig. (…) impugnava il provvedimento di rigetto chiedendo, sulla base delle motivazioni in esso esposte, in via principale il riconoscimento dello status di rifugiato, in subordine della protezione internazionale, ed in ulteriore subordine il diritto ad ottenere la protezione c. d. umanitaria. Il Tribunale adito, con ordinanza, rigettava il ricorso proposto”: palesando, addirittura, di riferirsi ad altro giudizio, in cui il tribunale provvede con ordinanza e non con decreto.

Nessuna menzione è fatta dei propri motivi, nè delle ragioni del rigetto.

Il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile.

3. – Non occorre provvedere sulle spese di lite, non svolgendo difese l’intimato.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, dà atto che il tenore del dispositivo è tale da giustificare il pagamento, se dovuto e nella misura dovuta, da parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello richiesto per il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 11 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 9 aprile 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA