Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 9448 del 21/04/2010

Cassazione civile sez. III, 21/04/2010, (ud. 16/03/2010, dep. 21/04/2010), n.9448

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VARRONE Michele – Presidente –

Dott. FILADORO Camillo – Consigliere –

Dott. UCCELLA Fulvio – rel. Consigliere –

Dott. URBAN Giancarlo – Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 14168/2006 proposto da:

IMPRESA GNAN RODOLFO & C SNC in persona del legalo

rappresentante

G.R. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA,

PIAZZA DELLA LIBERTA’ 10, presso lo stadio dell’avvocato BALAS

GIAMPAOLO, rappresentato e difeso dall’avvocato MATERA Antonio con

delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

e contro

L.G., C.C.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 205/2005 del TRIBUNALE di VENEZIA Sede

Distaccata di PORTOGRUARO, emessa depositata il 12/12/2005; R.G.N.

14761/C/2004;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

16/03/2010 dal Consigliere Dott. FULVIO UCCELLA;

udito il P.M., in persona del Sostituito Procuratore Generale Dott.

VELARDI Maurizio, che ha concluso per l’accoglimento.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 12 dicembre 2005 il Tribunale di Venezia accoglieva l’appello proposto da L.G. e C.C. contro la sentenza del 16 marzo 2004, con la quale il Giudice di Pace di Portogruaro aveva respinto la domanda degli appellanti, dispiegata nei confronti dell’impresa GNAN Rodolfo & C. s.n.c., volta ad ottenere il risarcimento dei danni, quantificati in Euro 1.450,00 più IVA o nella diversa somma ritenuta di giustizia, asseritamente cagionati dall’impresa alla tenda esterna del loro esercizio commerciale.

Avversa siffatta decisione propone ricorso per cassazione l’impresa su indicata, affidandosi ad un unico articolato motivo.

Non hanno svolto attività difensiva gli intimati.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. – Con l’unico motivo (art. 360 c.p.c., n. 5, per omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione; violazione dell’art. 360 c.p.c., n. 3, in relazione alle norme sul giudicato), la ricorrente lamenta che il giudice dell’appello avrebbe errato nel non ritenere fondata la domanda ai sensi dell’art. 1218 c.c..

Peraltro, poichè l’appello degli attuali intimati non si era svolto sulla circostanza, ritenuta nella sentenza di primo grado, che la tenda fosse stata posizionata su indicazione degli stessi, si sarebbe formato “un giudicato parziale”, non considerato dal giudice dell’appello (p. 9-10 ricorso).

Il primo profilo è inammissibile.

Di vero, come è giurisprudenza consolidata, (di recente ribadita da S.U. n. 24772/08, p. 62-63, in motivazione) la ricorrente richiede a questa Corte non già il controllo sulla logicità della motivazione, ma una rivalutazione di fatti attuata dal giudice del merito, avendo presenti sia la testimonianza del teste N.A., escusso in sede di appello, sia le dichiarazioni del rappresentante legale della società, che ammise di aver depositato la tenda sopra una terrazza per effettuare i lavori condominiali, sia la documentazione fotografica prodotta in giudizio, peraltro mai contestata dall’attuale ricorrente: tutti elementi che smentivano il suo assunto circa la inesistenza di difetti della tenda al momento della rimozione.

E’, peraltro, indubbio che l’impresa ebbe a prendere in custodia la tenda e secondo la diligenza del buon padre di famiglia avrebbe dovuto restituirla immune da difetti, perchè non preesistenti alla sua allocazione sulla terrazza, avendo, da quel momento, l’appaltatore assunto anche la custodia della tenda.

Infatti, risulta pacifico che l’obbligo di prendere in custodia la tenda fu preso dall’impresa, che ne divenne depositarla e, quindi, era tenuta fornire la prova liberatoria in ordine ai danni rinvenuti alla riconsegna sulla stessa (giurisprudenza costante): prova ritenuta mancante dal giudice del gravame.

La stessa ricorrente riconosce l’ineccepibilità delle argomentazioni addotte dal giudice dell’appello (p. 7 ricorso) salvo a divergere dalla decisione, perchè essa non sarebbe stata che un nudus minister dei proprietari di essa, attuandone le specifiche direttive (p. 9 ricorso).

Ma questa deduzione urta contro il rapporto di fatto che si costituisce con la cosa custodita e della cui rovina risponde solo il detentore.

Ne consegue l’assorbimento del secondo profilo, tenuto conto che l’eventuale mancanza di impugnazione da parte degli appellanti circa la statuizione del giudice di primo grado sulla circostanza, da lui ritenuta, dell’aver impartito gli ordini sul dove sistemare la tenda costituisce circostanza ininfluente sugli obblighi cui è tenuto il depositario.

Peraltro, il profilo sembra inammissibile, in quanto carente del requisito di autosufficienza.

Non si riporta, infatti, il motivo dell’appello, che f conforterebbe l’assunto della ricorrente, ma che, a quanto è dato leggere nella parte narrativa della sentenza impugnata (p. 2), smentisce l’assunto della stessa.

In conclusione, il ricorso va respinto. Nulla va disposto per le spese di questo grado.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 16 marzo 2010.

Depositato in Cancelleria il 21 aprile 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA